Mondiali ogni 2 anni? Gli azzurri dell’82 si dividono


Dino Zoff contrario ai Mondiali ogni 2 anni. Franco Causio in bilico. Alessandro Altobelli, invece, a favore. Gli azzurri campioni del mondo del 1982 reagiscono in modo diverso alla proposta di Gianni Infantino: il presidente della Fifa vorrebbe la World Cup ogni 2 anni e non ogni 4 come accade ora. “Sono fortemente contrario alla proposta della Fifa di organizzare il mondiale ogni due anni. La penso come Boban, è un’idea folle. Così facendo si svilisce la competizione più importante del calcio che perderebbe di valore. I mondiali sono come le Olimpiadi si devono disputare ogni 4 anni”, dice Zoff, capitano della Nazionale nei Mondiali ’82, all’Adnkronos.  

“E’ una proposta -prosegue il mito del calcio italiano- che va anche a scapito dei campionati nazionali e poi come si faranno le qualificazioni in un calendario già intasato, c’è il rischio di giocare sempre di più e di far scoppiare i giocatori e saturare i tifosi”.  

“Il mondiale ogni due anni presenta pregi e difetti. Forse si rischia di fargli perdere importanza ma si dà anche la possibilità a giocatori e tifosi di vivere più volte un torneo così affascinante”, dice Causio. 

“La cosa più importante è che, se la Fifa riuscisse a far passare l’idea di giocarlo ogni due anni, non si vada a gravare sui giocatori -sottolinea il ‘Barone’-. Il calendario è già sovraccarico di impegni e non possono aumentare le partite altrimenti i calciatori non ce la fanno”. 

“Da ex giocatore e da grande appassionato sono favorevole a giocare il mondiale ogni due anni. E’ la competizione più importante per un calciatore e aspettare 4 anni è davvero troppo. Come tutte le idee rivoluzionarie sta trovando una forte opposizione ma mi auguro che la Fifa riesca a trovare una strada per rendere realtà questa proposta”, afferma Altobelli. 

“Trent’anni fa la Coppa dei Campioni la giocava solo chi vinceva il campionato, ora la disputano le prime 4, all’inizio in tanti hanno gridato allo scandalo, ora la Champions League così piace a tutti -sottolinea l’ex attaccante di Inter e Juventus-. A chi dice che si rischiano di intasare i calendari io dico che si può cominciare ad abolire la Nations League che non serve a nulla e magari si potrebbero cambiare le qualificazioni snellendole, in particolare quelle sudamericane”. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Sport Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *