Media e pandemia: è boom di connessioni internet


Negli ultimi anni anche la Penisola si è uniformata agli standard europei, presentando una copertura internet molto più vasta e completa rispetto al recente passato. In sintesi, oggi moltissimi italiani navigano per svariate ore al giorno, da qualsiasi regione e da qualsiasi paese, anche i più remoti. Gran parte del merito della diffusione di internet in Italia va anche alla pandemia, che ha trasformato il digitale in una delle poche porte d’accesso a servizi e prodotti, soprattutto quando non si poteva uscire di casa. Vediamo dunque di approfondire questo tema.

Internet e pandemia

Dopo il lockdown internet ha letteralmente spiccato il volo, diffondendosi a macchia d’olio in tutta la Penisola, anche nelle aree più remote. Lo sostengono come sempre le ricerche di settore, secondo le quali la connessione al web è aumentata del 33% in pochissimi giorni a seguito dello scoppio della pandemia, fino a toccare livelli elevatissimi, intorno all’80%. Naturalmente ha contribuito anche una maggiore diffusione della banda, oramai disponibile nella maggior parte delle aree tricolori, e un miglioramento complessivo della connessione, sia in termini di velocità che di stabilità.

Gran parte dello sviluppo della rete è avvenuto per merito delle connessioni mobile, che chiaramente non sono state le uniche a mettere a registro un incremento degli accessi.

Sono stati infatti stipulati anche molti contratti per la connessione internet per uso domestico, dato che oramai l’offerta vede protagonisti molti operatori online. Il fatto positivo è che, anche dopo i momenti più caldi della pandemia, Internet ha proseguito la sua crescita senza arrestarsi. Alcune abitudini digitali particolari, come i nuovi social network, continuano ad essere ancora oggi un potente motore.

Il boom dei social media

Comparti come lo streaming e il gaming online, durante la pandemia, hanno conosciuto uno sviluppo enorme, con dati da record. Un discorso simile può essere applicato anche ai social media, specialmente se si parla di “new entry” come TikTok, recentemente entrato con forza nella classifica dei più utilizzati, anche in Italia. A proposito di classifica, quest’ultima viene ovviamente dominata da Facebook, con quasi 3 miliardi di utenti, mentre la seconda posizione spetta a YouTube, con 2,2 miliardi di utenti.

Il già citato TikTok scala, comunque, le graduatorie molto rapidamente, e attualmente può vantare 1 miliardo circa di utenti registrati. Numeri eccezionali anche per altri social media come Instagram e app come WhatsApp e WeChat. Per quel che riguarda le previsioni, il 2022 promette scintille per il settore dei social network. Stando agli esperti, infatti, il 60% della popolazione mondiale userà queste piattaforme entro la fine dell’anno. Non deve sorprendere, considerando che i social rappresentano una delle attività più gettonate sul web, insieme ad altri must che abbiamo visto poco sopra, come il gaming e lo streaming.

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Attualità Tecnologia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.