Maturità 2021 e mascherina, quale usare: ma si può togliere?


Sì alla mascherina, ma quale? E va tenuta durante l’esame o no? Al via oggi la Maturità 2021. Ad affrontarla quest’anno saranno 540mila studenti, di nuovo alle prese con la formula di emergenza adottata 12 mesi fa: niente prove collettive ma solo un colloquio orale, un po’ più corposo rispetto a quello tradizionale. Nonostante le misure adottate siano simili a quelle del 2020, da una ricerca di Skuola.net emerge che 1 maturando su 5 non sa quale mascherina va indossata. 

I dettagli del Protocollo, peraltro, sono stati ufficializzati solo alla fine di maggio, dando poco tempo ai ragazzi di ‘studiarselo’ per bene. Il rischio di fare passi falsi il giorno della prova è dunque concreto e diffuso come mostra il monitoraggio effettuato da Skuola.net per la Polizia di Stato, su un campione di 1.000 studenti di quinto superiore. Circa un maturando su cinque, ad esempio, non sa che quest’anno ci sono indicazioni precise sulle mascherine da utilizzare durante l’orale, ossia che quelle chirurgiche sono considerate le più adatte, le Ffp2 sono sconsigliate mentre quelle cosiddette ‘di comunità’ (come quelle in tessuto) sono vietate.  

Va anche peggio sulle modalità d’uso: solo il 46% sa che la mascherina potrà essere abbassata dal candidato durante il colloquio se sussistano le condizioni di distanziamento previste. E anche su quest’ultimo tema non tutti sono aggiornati: il protocollo fissa a due metri la distanza minima che deve esserci tra tutti i presenti nel luogo in cui si svolge l’esame, peccato che solo il 47% dei maturandi, meno di uno su due, dimostri di saperlo.  

Brutte sorprese in arrivo, poi, per gli accompagnatori di quell’8% di maturandi che pensa di poter portare una squadra a tifare per il proprio orale, a patto di rispettare il distanziamento. A essere consapevole che si potrà entrare a scuola al massimo con una persona al seguito è solo il 77%. Gli altri? Il restante 15% pensa sia addirittura obbligatorio affrontare la prova rigorosamente da soli di fronte alla commissione. Dura a morire, infine, la convinzione che all’ingresso della scuola verrà misurata la temperatura: solo 1 su 4 sa che questo non sarà necessario, basterà presentare l’autodichiarazione. Quella sì sarà indispensabile per accedere ai locali dell’istituto.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *