L’ufficio in spiaggia: l’estate dell’hotdesk


Nel postpandemia si è assistito a una rapida e disomogenea trasformazione del lavoro, tra ritorni rapidi dentro le strutture aziendali e nuove forme di ibridazione che, durante l’estate, hanno contribuito a definire anche nuove forme di turismo. In questo senso, la Regione Toscana e il Comune di Santa Fiora sull’Amiata in provincia di Grosseto hanno lanciato il progetto Smart working village per il lavoro a distanza e il telelavoro firmando un protocollo d’intesa per dar vita ad un luogo dove ospitare start up e imprese innovative, ma anche spazi di coworking o locali per chi lavora in smartworking. L’immobile sarà acquisito o realizzato dall’amministrazione comunale, mentre la Regione si impegna ad individuare possibili finanziamenti per attrezzarlo e per dotarlo di strumentazioni tecnologiche, oltre a promuovere lo spazio e i servizi erogati attraverso la struttura Invest in Tuscany. Ha spiegato il presidente della giunta regionale Eugenio Giani: “l Comune di Santa Fiora è stato il primo in Italia ad avere l’intuizione e l’intenzione della Regione è quella di dare seguito a questa idea: una sorta di sperimentazione da replicare poi anche altrove in Toscana”. 

 

Lungo tutta la penisola, intanto, nascono nuove strutture a metà tra stabilimento balneare e coworking e c’è un’app, Nibol, che le mette in rete per renderle disponibili a lavoratori agili mentre sempre più aziende offrono il lavoro-vacanza come benefit. Il progetto sviluppa un’infrastruttura tecnologica di uffici, coworking, sale riunioni e postazioni di lavoro – gli hotdesk: strutture distribuite in tutto il territorio nazionale, per mettere a disposizione di aziende e professionisti, potenzialmente, “l’ufficio distribuito più grande del mondo”. Spiega Riccardo Suardi, founder della startup: “Da un lato, offriamo un sistema di mappatura e gestione degli spazi interni, che permette ai dipendenti, ad esempio, di prenotare scrivanie o sale riunioni in ufficio; dall’altro, mettiamo a disposizione di aziende e professionisti network di oltre 100 location esterne (da coworking a postazioni di lavoro agile) prenotabili attraverso la nostra app, per abilitare le nuove forme di lavoro ibrido e diffuso. Oggi, tramite la nostra app, è possibile prenotare postazioni di lavoro in oltre 25 città: abbiamo uno stabilimento balneare in riva al mare a Messina, un rural coworking in Toscana, un hotel a 50 metri dal mare a Rimini e diversi coworking in tutta Italia, da Riccione a Napoli fino alle Marche”. 

 

Ma come nasce l’idea di aprire un coworking sulla spiaggia? Racconta Guido Arcoraci di ISLHub, un lido di Messina che offre postazioni di lavoro a 5 metri dal mare, con tanto di wifi e cassettine di sicurezza: “Un po’ da un’esigenza personale, vissuta da noi e dai nostri amici, e un po’ dalla voglia di cogliere nuove opportunità. Si parla di south working, ma con questo caldo e le ferie che si avvicinano riuscire a creare a due passi dal mare uno spazio adatto per lavorare è un’opportunità per tutti: noi, ad esempio, accogliamo tanti professionisti siciliani che, con le nuove modalità di lavoro agile, hanno deciso di anticipare il rientro per le ferie; ma ci sono anche casi di chi ha deciso di organizzare un intero mese a metà tra lavoro e tempo libero, e trova in una struttura come la nostra la possibilità di coniugare le due cose in modo efficiente e produttivo. E abbiamo anche avuto il caso di piccoli team che hanno deciso di lavorare da noi per una giornata.” 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *