‘Lol: chi ride è fuori’, oggi gli ultimi 2 episodi: chi vince?


‘Lol: Chi ride è fuori’, oggi gli ultimi due episodi su Amazon Original per incoronare il vincitore. Lo show che coinvolge 10 comici arriva all’epilogo. Vince chi resta serio e non ride. Le prime 4 puntate hanno portato all’eliminazione di Fru e Luca Ravenna. In lizza, davanti alla control room gestita da Fedez e Mara Maionchi, restano Elio, Caterina Guzzanti, Lillo, Angelo Pintus, Frank Matano, Katia Follesa, Ciro e Michela Giraud. Il programma ha riscosso un enorme successo, a giudicare dall’attenzione che ha riscosso sui social. 

Clip e battute dei 10 comici hanno trovato ampio spazio su Twitter. Spopola Posaman, il supereroe interpretato da Lillo e dotato di un unico superpotere: mettersi in posa. Elio ‘vestito’ da quadro della Gioconda invade bacheche da giorni, così come la versione di Antonino Cannavacciuolo proposta da Angelo Pintus, con un ‘epocale’ “hai cag…?” che è diventato persino trend.  

Non è mancato un po’ di ‘pepe’, grazie in particolare alla recensione di Aldo Grasso sul Corriere della Sera. Il critico ha evidenziato “quattro motivi per cui” il programma “non fa ridere invece per niente”, definendo lo show “piuttosto piuttosto molto puerile e assai forzato”. La replica più pungente al giornalista è arrivata da Frank Matano: “Cambierei il regolamento della prossima edizione di #LOLitalia. Chi fa ridere Aldo Grasso vince”, ha scritto su Twitter. Ha reagito anche Fedez. Il rapper, che su Instagram ha pubblicato immagini e contributi dal backstagea, su Twitter propone una breve clip che documenta la sua minacciosa entrata in scena come giudice di LOL: “Il Twitter che legge la recensione di Aldo Grasso su LOL”, ha scritto Fedez nel messaggio. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Spettacolo Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *