Leonardo Del Vecchio, le ultime parole al figlio: “Così bella la fabbrica di Agordo”


“Mio padre si emozionava solo quando parlava dei suoi operai. Fino all’ultimo ha pensato ai suoi dipendenti. Quando sono andato a trovarlo per l’ultima volta in ospedale, l’ho visto nervoso. Salutandolo, gli ho detto che andavo ad Agordo, a vedere la fabbrica che non vedevo da tempo a causa del Covid. In quel momento il suo viso si è illuminato e ha fatto un gran sorriso. E mi ha detto: ‘la fabbrica, è così bella adesso'”. Claudio Del Vecchio ha raccontato con queste parole l’ultimo incontro con il padre Leonardo, morto lunedì scorso a Milano, nel corso dei funerali ad Agordo, in provincia di Belluno.  

“Ha considerato i suoi dipendenti, in particolare quelli di Agordo”, dove stabilì il primo stabilimento di Luxottica, “come membri della sua famiglia. Il suo sogno non si sarebbe potuto realizzare senza la vostra dedizione e la vostra fiducia. Vi ha spinto, tirato e incoraggiato e vi lo avete ripagato con il vostro sforzo e il vostro attaccamento. Nel corso della sua vita ha preso dei rischi che altri imprenditori non hanno voluto mai correre, perché sapeva che c’eravate voi dietro”, ha aggiunto.  

“Questa azienda è la sua creatura, i dipendenti sono come dei figli per lui, ha lasciato in eredità sicuramente qualcosa di straordinario che sono sicura porterete avanti nel migliore dei modi”, ha poi detto Nicoletta Del Vecchio, moglie del fondatore di Luxottica. “Leonardo, vostro presidente, amico, padre, vorrebbe che io dicessi che lui sarà sempre qui con voi, che potrà sempre riuscire a darvi dei consigli, tanti ve li ha già dati”, ha continuato durante i funerali al Palaluxottica di Agordo, in provincia di Belluno. “Dovete continuare come continuerò io ad essere forti, determinati ad andare avanti”.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Coronavirus Ultima ora