‘L’Enigma Caravaggio’, si inaugura il megaconvegno online in 5 giornate lungo tutto gennaio, dedicato al genio pittorico lombardo


Inizia oggi il grande convegno internazionale dedicato a Michelangelo Merisi, detto Caravaggio, uno dei pittori più amati e studiati di tutti i tempi, che nasceva 450 anni fa. L’iniziativa si articola in cinque giornate (mattina e pomeriggio) a partire da oggi e per tutto il mese di gennaio su piattaforma zoom.  

E’ online, infatti, che si incontreranno e ‘scontreranno’ gli oltre 40 relatori, studiosi ed esperti, mettendo a confronto idee e prospettive, visioni inedite e scoperte, tutto quanto c’è da sapere e comprendere sull’opera e la vita, ancora non del tutto esplorate, del grande genio pittorico.  

“Sono passati 70 anni dalla mostra longhiana”, ricordano all’Adnkronos gli organizzatori della rassegna, “che ha titolo ‘1951-2021. L’enigma Caravaggio. Nuovi studi a confronto’ proprio per sottolineare come saranno presentate novità e scoperte rispetto alle conoscenze già acclarate” nelle cinque giornate di mercoledì 12, mercoledì 19, venerdì 21, mercoledì 26 e venerdì 28 di gennaio 2022.  

Parteciperanno insigni studiosi, tra cui – solo per fare qualche nome – Marco Bussagli, Barbara Jatta, Sybille Ebert Schifferer, Andrea Spiriti, Silvia Danesi Squarzina, Claudio Strinati, Stefania Macioce, Bert Treffers, Rossella Vodret, Alessandro Zuccari, Fabio Scaletti e tanti altri, lasciando spazio anche ai giovani ricercatori che si sono interessati a Caravaggio. 

I più qualificati relatori italiani e stranieri, infatti, hanno aderito all’iniziativa – ideata dal professor Sergio Rossi dell’Università La Sapienza di Roma) con l’apporto del professor Rodolfo Papa dell’Accademia Urbana delle Arti di Roma – per avere la possibilità di confrontarsi in merito alle più recenti scoperte su Caravaggio. 

“Ed è proprio il piacere della condivisione, del confronto e diffusione degli ultimi studi in chiave didattica sull’artista lombardo -proseguono i docenti- che distingue dagli altri questo convegno online, libero e gratuito, con crediti riconosciuti dalle Università accreditate (come per es.empio La Sapienza di Roma, l’ Università di Messina, la Lumsa di Palermo, dell’Insubria e del Piemonte Orientale)”.  

Un’iniziativa originale e innovativa, a detta degli studiosi, “che unisce il mondo accademico e universitario a quello della didattica e della divulgazione, con la possibilità per gli utenti e gli iscritti di porre domande”. Nonostante l’enorme mole di studi finora effettuati su Caravaggio, egli rimane pur sempre “un affascinante mistero, che con questo convegno s’intende indagare in modo originale e aperto al confronto”. 

Ma come? Chiediamo a Rossi e a Papa coautori dell’iniziativa. “Innanzitutto -rispondono- cercando di sfatare alcuni luoghi comuni sull’artista, come quello che lo vede come ateo o miscredente. La straordinaria avventura umana e artistica verrà ripercorsa tra Roma e Napoli, ma anche da Malta alla Sicilia”.  

“Una particolare attenzione – la giornata del 26 gennaio – sarà poi dedicata alla matrice lombarda e ticinese di Caravaggio, alla sua formazione culturale e artistica. Ad essere esaminata anche la sua influenza all’infuori dell’Italia: dalla Spagna fino all’America Latina”.  

Un appuntamento imperdibile, dunque, per chi è interessato ai cosiddetti ‘buchi neri’, ossia quella parte degli studi caravaggeschi che a tutt’oggi non ha trovato adeguate risposte a una serie di importanti interrogativi.  

Che rapporti aveva Caravaggio con i genitori? Di chi era veramente figlio? Ha avut, a sua volta, degli eredi? Perché ha lasciato Milano? Quando è arrivato a Roma? E così via, come sottolinea un altro partecipante dell’incontro, Fabio Scaletti, autore di una delle più ampie monografie dedicate a Merisi. 

Questo convegno rappresenta quindi, non tanto un punto di arrivo, ma piuttosto “un punto di partenza per iniziative a condividere e diffondere, nel comune obbiettivo di fare insieme più luce sulla travagliata vita e arte di Caravaggio”. Un artista che, attraverso il suo straordinario talento, illuminò a fondo i meandri dell’animo, trasponendo sulle tele emozioni e comportamenti umani che rendono la sua pittura meravigliosamente moderna e, a a tutt’oggi, vicina al nostro attuale sentire. 

(di Rossella Guadagnini) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cultura Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *