Entra in contatto con noi

Sostenibilità

Le hit da cantare sotto la doccia per risparmiare 30 lt d’acqua

Pubblicato

il

Bello cantare sotto la doccia, lo è ancora di più se si riescono a risparmiare migliaia di litri di acqua. E se la doccia dura il tempo di una di queste canzoni, di acqua ne risparmiamo in media 30 litri ogni volta. Da Bollicine di Vasco Rossi a Coraline dei Maneskin, da It’s a long way degli AD/CD a It’s raining men di Geri Haliwell: sono 20 hit, tra i maggiori successi di tutti i tempi italiani e internazionali, della durata massima 5 minuti, per trasformare il momento della doccia in un gesto all’insegna della sostenibilità. E’ la Green Shower Challenge e a lanciarla è Gruppo Cap, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano che ogni anno fornisce a oltre 2 milioni di cittadini del milanese 200 milioni di metri cubi di acqua. 

Basta sintonizzarsi su Spotify (https://rb.gy/tuyx2p) e mettere in play un solo brano della playlist #greenshowerchallenge, scegliendo il sound preferito: Daft Punk, Lucio Battisti, Lo Stato Sociale, Dire Straits, James Brown… Insomma, una playlist per tutti i gusti. E molto green perché mira a risparmiare per ogni doccia almeno 30 litri di acqua. Non è un mistero, infatti, che gli italiani amino trascorrere almeno 10 minuti sotto il getto dell’acqua. Il che significa un consumo di ben 60 litri. Coinvolgendo in prima persona ogni cittadino, la sfida della Green Shower Challenge è quella di risparmiare all’anno oltre 4.000 litri ciascuno considerando una media di 3 docce a settimana.
 

Ecco I brani della playlist.
 

• One more time – Daft Punk 5:20 

• Bandiera Bianca – Franco Battitato 5:26 

• Kids – MGMT 5:02 

• Bollicine– Vasco Rossi 5:37 

• Coraline – Maneskin 5:00 

• La felicità non è una truffa – Lo Stato Sociale 5:26 

• La verità – Brunori Sas 5:02 

• Sultan of Swing- Dire Straits 5:48 

• Jungle – Tash Sultana 5:15 

• Con il nastro rosa – Lucio Battisti 5:21 

• Disperato Erotico Stomp – Lucio Dalla 5:46 

• Aspettando il sole- Neffa, Giuliano Palma 5:12 

• Sfiorivano le viole – Rino Gaetano 5:02 

• It’s a long way – AD CD 5:02 

• No Diggity – Blackstreet 5:02 

• It’s raining men – Geri Haliwell 5:07 

• Hang up – Madonna 5:38 

• Sex Machine – James Brown 5:16 

• Juicy – Notorious B.I.G 5:00 

• Smoke on the water – Deep Purlple 5:41 

 

“L’utilizzo sostenibile della risorsa idrica – commenta Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo Cap – oltre a essere un caposaldo dei nostri valori aziendali è oggi più che mai al centro dell’attenzione della politica internazionale. Basti guardare al documento redatto in occasione del G20, Energia e Clima, che vede l’acqua potabile tra i punti sui cui proiettare la massima sinergia. In Italia purtroppo deteniamo l’infelice primato europeo per consumo pro-capite di acqua, 220 litri a fronte dei 125 utilizzati quotidianamente da un cittadino europeo (fonte: Blue Book 2021). Nella nostra visione di medio lungo termine dettata nel nostro piano di Sostenibilità vogliamo ‘Consumare meno e Consumare meglio’ tagliando il più possibile gli sprechi di acqua potabile”. 

L’impegno nello sviluppo di attività di sensibilizzazione sul valore della risorsa idrica è uno dei punti chiave nella strategia di sostenibilità di Gruppo Cap. La Green Shower Challenge fa seguito a un recentissimo progetto ideato dalla water utility lombarda per far riflettere un pubblico quanto più vasto, in particolare i più giovani, sui temi del cambiamento climatico e sugli effetti che questo ha sull’acqua. Si tratta di The Source, il podcast in 6 puntate di genere “climate fiction”, ascoltabile da un paio di settimane su tutte le piattaforme di podcast in modo totalmente gratuito. La storia è ambientata a Milano, nel 2035, in un tempo non così distante da noi, quindi realisticamente molto verosimile, nel bel mezzo della più clamorosa siccità mai sperimentata. Un racconto distopico, dove con il sorriso e l’ironia si invita a prendere coscienza dei problemi ambientali. 

Oltre alla doccia ci sono molte buone pratiche quotidiane che possono giovare al risparmio idrico. Ecco alcuni consigli da mettere in pratica per aiutarci a non restare senza acqua: applica un riduttore di flusso ai rubinetti di casa à risparmi 4.000 litri di acqua all’anno; scegli la doccia al posto della vasca, si risparmiano 1.200 litri di acqua all’anno; tieni i rubinetti aperti solo quando necessario, chiudili mentre ti lavi i denti o ti insaponi à risparmi 6 litri d’acqua ogni minuto. 

Scegli elettrodomestici di classe A+ e usali sempre a pieno carico à risparmi da 40 a 60 litri a ogni utilizzo; lava piatti, frutta e verdura in una bacinella à risparmi 6.000 litri di acqua all’anno; scongela gli alimenti all’aria o in una bacinella à risparmi 6 litri al minuto; prenditi cura dell’impianto idraulico di casa e controlla le tubazioni per evitare perdite e sprechi à risparmi circa 4.000 litri di acqua all’anno; utilizza acqua piovana per innaffiare le piante à risparmi 6.000 litri d’acqua all’anno. 

 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Sostenibilità

Present4Future, un progetto di inclusione sociale per i giovani

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Un progetto di inclusione sociale dei giovani attraverso il dialogo intergenerazionale e iniziative territoriali per migliorare la qualità della vita nei contesti di appartenenza. È stato presentato questa mattina presso la Casa Internazionale delle Donne di Roma ‘Present4Future’, il progetto, ideato da Bper Banca insieme a Fondazione Gruppo Abele, di inclusione sociale dedicato a ragazzi e ragazze, italiani e stranieri, tra i 14 e i 24 anni. 

‘Present4Future’ è uno degli obiettivi inseriti all’interno del Piano Industriale 2022-2025 di Bper Banca a impatto sociale positivo, avviato attraverso un’analisi di contesto sulle condizioni di carattere sociale, culturale ed educativo all’interno delle città di Roma, Milano, Torino, Palermo, Napoli e Genova.  

Da un’attenta attività di ascolto svolta dagli operatori della Fondazione Gruppo Abele e da varie associazioni locali collegate sono emerse su tutti i territori forti similitudini dei bisogni e delle carenze culturali ed educative primarie. Sulla base di queste analisi, Bper e Fondazione Gruppo Abele hanno stilato un piano di attività triennale con l’obiettivo di fornire a tutti i giovani coinvolti iniziative di formazione professionale e culturale, sportive, di aggregazione e orientamento, in grado di favorire la conoscenza delle opportunità che ogni territorio può offrire e la consapevolezza di quanto sia importante per loro stessi e per il bene comune la partecipazione attiva alla vita sociale, civile e culturale.  

“Nel confermare una forte attenzione allo sviluppo di tutto il territorio nazionale e nel riconoscere come crescita non solo gli aspetti di natura economica, finanziaria e di business, ma anche quelli connessi alle dinamiche sociali, culturali e alla partecipazione attiva alla società civile, Bper Banca ha progettato ‘Present4Future’ in partnership con il Gruppo Abele, una delle Onlus che vanta la maggiore esperienza sul territorio nazionale – spiega la presidente di Bper Banca, Flavia Mazzarella – La formazione, l’educazione, la promozione della partecipazione dei giovani, specialmente i più fragili, sono attività fondamentali per sviluppare forme educative e porre le basi per la costruzione di un futuro migliore. E Bper Banca, anche in questi percorsi, vuole essere parte attiva e attore primario”. 

“Oggi abbiamo presentato una sfida: ripensare le politiche e gli interventi rivolti ai giovani a partire dalle periferie cercando di costruire percorsi di speranza e di futuro. Smettere di parlare di giovani, ma lavorare con loro, con chi sta cercando di non mancare il proprio appuntamento con il mondo, insieme a chi è alla ricerca del proprio nome e sfugge alle designazioni e alle etichette. Un progetto che, per queste ragioni, scarta gli aggettivi e sceglie gli avverbi: qui e ora, per un altrove un altrimenti, il presente per il futuro”, dice la vicepresidente di Fondazione Gruppo Abele, Lucia Bianco.  

Per un monitoraggio puntuale e continuo nel tempo delle ricadute del Progetto, con la collaborazione di Open Impact verrà misurato l’impatto positivo generato e il ritorno sociale dell’investimento effettuato. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Israele abbandona la plastic tax

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Israele ha abbandonato la plastic tax istituita nel novembre del 2021, una tassa che aveva ridotto il consumo di articoli in plastica monouso del 40%. La decisione, in contrasto agli sforzi globali per ridurre la quantità di rifiuti di plastica che inquinano soprattutto gli oceani, è arrivata dopo l’opposizione da parte dei partiti religiosi ortodossi, che hanno spiegato come colpisse specialmente le loro comunità. Infatti le famiglie ultraortodosse utilizzano la plastica tre volte di più rispetto al resto della popolazione, perché spesso hanno famiglie numerose e redditi bassi. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Operazione miracolo per salvare il più piccolo cetaceo al mondo

Pubblicato

il

(Adnkronos) – L’anno scorso l’ONG Sea Shepherd e la marina militare Messicana hanno dato il via ad “Operazione Miracolo”, con la missione di salvaguardare l’habitat dove vivono gli ultimi esemplari della focena del Golfo di California. Si tratta del cetaceo più piccolo al mondo, che si trova in grave pericolo di estinzione: ne rimangono tra i 6 e i 20 esemplari. Un anno dopo, il gruppo ha dichiarato di aver ridotto di oltre il 70% il numero di ore in cui i pescherecci operano dove vivono questi preziosi animali, il golfo del Pacifico che separa la penisola della Bassa California dalla terraferma. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Smog, nel 2022 29 città su 95 oltre i limiti giornalieri

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Nel 2022, 29 città su 95 hanno superato i limiti giornalieri di Pm10: le situazioni peggiori a Torino, Milano, Modena, Asti, Padova e Venezia che hanno registrato più del doppio degli sforamenti consentiti. Rispetto ai nuovi target europei previsti al 2030, situazione ancora più critica: fuorilegge il 76% delle città per il Pm10, l’84% per il Pm2.5 e il 61% per l’NO2. Sono i dati del nuovo report di Legambiente ‘Mal’Aria di città. Cambio di passo cercasi’, redatto e pubblicato nell’ambito della Clean Cities Campaign. 

Il report ha messo in evidenza i dati del 2022 nei capoluoghi di provincia, sia per quanto riguarda i livelli delle polveri sottili (Pm10, Pm2.5) che del biossido di azoto (NO2). In sintesi, infatti, sono ben 29 città delle 95 monitorate, che hanno superato gli attuali limiti normativi per gli sforamenti di PmM10 (35 giorni all’anno con una media giornaliera superiore ai 50 microgrammi/metro cubo) con le centraline di Torino (Grassi) che si piazza al primo posto con 98 giorni di sforamento, seguita da Milano (Senato) con 84, Asti (Baussano) 79, Modena (Giardini) 75, Padova (Arcella) e Venezia (Tagliamento) con 70. Queste città hanno di fatto doppiato il numero di sforamenti consentiti.  

Sempre per il Pm10, l’analisi delle medie annuali ha mostrato come nessuna di esse abbia superato il limite previsto dalla normativa vigente, ma ciò non è sufficiente per garantire la salute dei cittadini, in considerazione delle raccomandazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e dei limiti previsti dalla nuova Direttiva europea sulla qualità dell’aria, che entreranno in vigore dal 1° gennaio 2030. Per il Pm10, sarebbero infatti solo 23 su 95 (il 24% del totale) le città che non hanno superato la soglia di 20 µg/mc; 72 città sarebbero dunque fuorilegge.  

Le città che devono lavorare di più per ridurre le loro concentrazioni e adeguarsi ai nuovi target (20 µg/mc da non superare per il Pm10, 10 µg/mc per il Pm2.5, 20 µg/mc per l’NO2) sono: Torino e Milano (riduzione necessaria del 43%), Cremona (42%), Andria (41%) e Alessandria (40%) per il Pm10; Monza (60%), Milano, Cremona, Padova e Vicenza (57%), Bergamo, Piacenza, Alessandria e Torino (55%), Como (52%), Brescia, Asti e Mantova (50%) per il Pm2.5. Le città di Milano (47%), Torino (46%), Palermo (44%), Como (43%), Catania (41%), Roma (39%), Monza, Genova, Trento e Bolzano (34%), per l’NO2.  

“L’inquinamento atmosferico non è solo un problema ambientale, ma anche un problema sanitario di grande importanza – dichiara Stefano Ciafani, presidente nazionale di Legambiente – In Europa, è la prima causa di morte prematura dovuta a fattori ambientali e l’Italia registra un triste primato con più di 52mila decessi annui da Pm2.5, pari a 1/5 di quelli rilevati in tutto il continente. È necessario agire con urgenza per salvaguardare la salute dei cittadini, introducendo politiche efficaci ed integrate che incidano sulle diverse fonti di smog, dalla mobilità al riscaldamento degli edifici, dall’industria all’agricoltura. In ambito urbano è fondamentale la promozione di azioni concrete sulla mobilità sostenibile attraverso investimenti importanti sul trasporto pubblico, il ridisegno dello spazio cittadino con pedonalizzazioni e zone 30, politiche di promozione dell’uso delle due ruote in sicurezza, la diffusione delle reti di ricarica dei mezzi elettrici, facilitando la scelta di ridurre fortemente l’uso dell’auto privata. Chiediamo al governo, alle Regioni e ai Comuni, di mettere in campo azioni coraggiose per creare città più pulite e sicure. La salute è un diritto fondamentale che non può essere compromesso”.  

Continua a leggere

Sostenibilità

Corridoi ecologici per le api europee

Pubblicato

il

(Adnkronos) – L’Ue sta sviluppando un piano per la creazione di una rete di corridoi ecologici per gli insetti impollinatori, che soffrono sempre di più per perdita di habitat e inquinamento. Un terzo delle specie di api, farfalle e sirfidi sono a rischio in Europa, e con loro anche l’agricoltura. La riproduzione dell’80% delle piante continentali dipende infatti dall’azione degli insetti impollinatori. Senza questi preziosi insetti si stima che la produzione agricola subirebbe un danno di almeno 5 miliardi di euro l’anno e che alcune colture subirebbero un calo della produzione del 50%. 

Continua a leggere

Sostenibilità

La Francia in ritardo sulle energie rinnovabili

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Secondo il report annuale di Observ’ER, la Francia non raggiungerà gli obiettivi di diffusione delle rinnovabili previsti per il periodo 2019-2023. Per quanto riguarda l’eolico onshore, l’obiettivo ufficiale di 24,1 gigawatt (GW) di capacità installata fissato per la fine del 2023 rimarrà fuori portata. Per il fotovoltaico invece, nonostante un aumento del tasso di crescita dal 2021, a settembre 2022 la Francia aveva 15,8 GW di capacità installata nei campi fotovoltaici, mentre dovrebbe raggiungere i 20,1 GW entro la fine del 2023. Al ritmo attuale, si arriverà solo a 19 GW. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Degradato più di un terzo della foresta amazzonica?

Pubblicato

il

(Adnkronos) – La conservazione della foresta amazzonica potrebbe essere vicina a un punto di non ritorno. Secondo uno studio pubblicato su Science, l’attività umana, gli incendi e la mancanza di acqua potrebbero aver degradato più di un terzo di questo ecosistema prezioso per il globo: questa ampia porzione di foresta, fino a 2,5 milioni di chilometri quadrati, è ora più secca e più vulnerabile di prima alle fiamme, ma anche meno in grado di regolare il clima, assorbendo carbonio e generando precipitazioni, fornire habitat alle specie animali e sostentamento alle popolazioni. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Eventi climatici estremi, il ruolo della variabilità

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Il ruolo della variabilità nella frequenza e intensità degli eventi estremi. Uno studio condotto da due ricercatrici dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Consiglio nazionale delle ricerche di Bologna (Cnr-Isac) fornisce nuovi elementi per comprendere il complesso quadro di cambiamento degli eventi climatici estremi, evidenziando i fattori chiave responsabili della loro intensificazione.  

La ricerca, pubblicata su Nature Communications, chiarisce come la frequenza e l’intensità di tali eventi cambino per effetto del riscaldamento globale, e come tali cambiamenti dipendano dalle proprietà statistiche delle temperature giornaliere nelle diverse aree della Terra e dalla loro evoluzione nel tempo. In particolare, attraverso le più recenti simulazioni numeriche del clima passato e futuro, lo studio rivela il ruolo cruciale della variabilità accanto a quello dell’innalzamento delle temperature medie, quantificandone in modo rigoroso gli effetti sugli eventi estremi.  

“Gli eventi estremi aumentano in modo allarmante sia in numero che in severità dall’inizio della rivoluzione industriale, in un quadro di cambiamento altamente eterogeneo – spiega Claudia Simolo (Cnr-Isac), una delle autrici del lavoro – In alcune aree del pianeta gli eventi di caldo estremo si susseguono a ritmi senza precedenti, mentre in altre si manifestano in modo sempre più dirompente, con gravi conseguenze per l’uomo e gli ecosistemi: tuttavia, i fondamentali meccanismi di amplificazione sono ancora poco chiari, aggiungendo elementi di incertezza alle proiezioni future”.  

La variabilità naturale delle temperature giornaliere, ovvero l’ampiezza delle fluttuazioni attorno al valore medio, e i suoi possibili cambiamenti sono fattori fondamentali per comprendere e prevedere l’evoluzione degli eventi estremi con il riscaldamento globale, e la loro rapida intensificazione in vaste aree del pianeta. Ai tropici, in particolare, la limitata variabilità naturale è all’origine dello straordinario incremento degli episodi di caldo anomalo e spiega l’elevata vulnerabilità di questa regione al cambiamento climatico.  

“D’altra parte, in Europa e nel Mediterraneo, il rapido innalzamento delle temperature estive, a causa del progressivo inaridimento del suolo, è l’elemento determinante dei sempre più intensi e persistenti episodi di caldo estremo”, aggiunge Susanna Corti (Cnr-Isac).  

I risultati di questo studio stabiliscono un solido legame tra i cambiamenti negli eventi climatici estremi e il riscaldamento globale di origine antropica, e forniscono importanti prospettive per il miglioramento delle proiezioni dei modelli per i prossimi decenni. 

Continua a leggere

Sostenibilità

I disastri naturali sono costati 313 miliardi di dollari

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Secondo le stime del colosso assicurativo Aon, le catastrofi naturali, molte delle quali causate dai cambiamenti climatici, hanno causato nel 2022 perdite economiche per 313 miliardi di dollari. Il rapporto spiega come il 75% delle perdite assicurate a livello globale si sia verificato negli Stati Uniti, a causa dell’uragano Ian, che ha colpito la Florida nel settembre 2022, causando danni per 95 miliardi di dollari. Aon ha anche stimato che circa 31.300 persone sono morte a causa di eventi catastrofici naturali, due terzi delle quali per le gravi ondate di calore verificatesi in Europa tra giugno e luglio. 

Continua a leggere

Sostenibilità

Stati Uniti e Sudafrica insieme contro il traffico di animali

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti e il governo Sudafricano hanno siglato un accordo per formare una task force che combatterà la finanza illecita legata al commercio illegale di animali selvatici, spesso a rischio d’estinzione. Questa iniziativa mira a incrementare la condivisione di informazioni tra le unità di intelligence dei due Paesi, aiutando così a preservare il patrimonio naturale del paese africano. Il crimine organizzato sudafricano usa spesso il commercio di animali esotici per finanziare altre attività illegali, come il traffico di droga e la corruzione. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari

Il contenuto di questa pagina è protetto.