L’artista cinese Badiucao espone a Brescia, nonostante le pressioni di Pechino


«La Cina (non) è vicina. Badiucao – opere di un artista dissidente», Mostra curata da Elettra Stamboulis, dal 13 novembre al 13 febbraio 2022 negli spazi espositivi del Museo di Santa Giulia di Brescia.

Viene chiamato il “Il Banksy cinese” ed espone per la prima volta in Europa, nonostante il tentativo di cancellazione dell’Ambasciata Cinese in Italia. Badiucao è un artista che devia l’immaginario comunista per dargli una visione acida e critica, a volte con un tocco di umorismo per bilanciare la situazione critica del rispetto dei diritti umani e della libertà di espressione in Cina.

Badiucao è originario di Shanghai ma non se ne conosce l’esatta data di nascita, immigrato in Australia nel 2009

Ha pubblicato il suo primo disegno durante l’ incidente ferroviario di Wenzhou nel 2011. Ha costruito la sua reputazione su Twitter, disegnando vignette politiche che sfidano la censura e la “dittatura in Cina“. Il lavoro dell’artista cinese-australiano è stato presentato da The New York Times e The Guardian. I suoi disegni anonimi gli valsero di essere paragonato esattamente a Banksy, ecco spiegato l’appellativo del Banksy cinese.

Nel 2018, una mostra di Badiucao a Hong Kong è stata cancellata dai suoi organizzatori affermando di aver ricevuto minacce dalle autorità cinesi. Il lavoro di Badiucao si concentra sulle violazioni dei diritti e sulle satire del Presidente Xi Jinping. La sua mostra faceva parte delle proteste per la libertà di espressione a Hong Kong dal 2014. Secondo attivisti per la democrazia questa cancellazione testimonia un attacco alle libertà a Hong Kong da parte di Pechino. Badiucao non aveva in programma di recarsi a Hong Kong, ma avrebbe dovuto partecipare a una tavola rotonda in videoconferenza con l’attivista per la democrazia di Hong Kong, Joshua Wong, gli artisti di Hong Kong Sampson Wong e Oscar Ho, e i manifestanti punk rock russi Olga Kuracheva e Veronika Nikulshina, entrambi membri del gruppo Pussy Riot.

Badiucao rende omaggio all’attivista tibetano Tashi Wangchuk raffigurando un leone delle nevi, emblema tradizionale del Tibet, con una fascia sul muso. Alcuni dei suoi fumetti caricatura del Presidente cinese Xi Jinping come personaggio del libro per bambini Winnie the Pooh, dopo che i netizen cinesi hanno riportato una somiglianza.

Secondo Badiucao, Tank Man, il Tian’anmen Man che fermò una colonna di carri armati durante le proteste di piazza Tian’anmen nel 1989, rappresenta qualcosa di perduto nell’attuale generazione cinese: “idealismo, passione, senso di responsabilità e fiducia che un individuo può cambiare il corso degli eventi”.
Tank Man è ancora rilevante oggi e la gente dovrebbe vederlo. La società non è cambiata molto dal massacro e l’oppressione non è mai cessata” afferma l’artista con un velo di tristezza.

Badiucao ha dato istruzioni ai manifestanti di scattare una foto di se stessi indossando il classico costume di Tank Man, camicia bianca, pantaloni neri e scarpe nere, mentre reggeva due borse bianche. L’artista ha realizzato i disegni per le borse, comprese le immagini di Peppa the Pig e Winnie the Pooh, i personaggi censurati in Cina.

Va ricordato che nel 2019 ha ricevuto il Russell Prize per il grande coraggio, assegnato dalla ONG Cartoonists Rights Network International. Nel 2020 è stato insignito del Václav-Havel Human Rights Prize.

Sono molto lucido nel modo in cui uso la mia arte per esporre le bugie, i soprusi, i problemi del Governo cinese e d’altra parte, rendo omaggio e glorifico il popolo cinese, il suo coraggio e l’ intelligenza, anche se sottoposto a quest’ ambiente molto duro, orchestrato da un Governo rigido e autoritario“, specifica Badiucao

La Cina non è così lontana come si tende a credere e sono convinto che non esiste una Cina proibita, una Muraglia che non sia possibile varcare. Agli imprenditori io dico questo: prendete subito l´aereo, andate in Cina e cominciate a guardarvi in giro. E se il viaggio vi sembra lungo, pensate a uno dei tanti proverbi della saggezza cinese: “Anche un viaggio di mille miglia comincia con il primo passo…
(Cesare Romiti)

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Attualità Cultura Curiosità Turismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *