La Russia cerca di attrarre nuovi investitori cripto


Proseguendo nel solco di un’imponente liberalizzazione del settore, la Federazione Russa, con un comunicato dell’agenzia di stampa nazionale Tass, ha deciso di autorizzare ogni centro produttivo del paese ad accettare e ad utilizzare pagamenti in Bitcoin. Una disperata ricerca di nuove fonti di finanziamento, che è motivata soprattutto dalle sanzioni occidentali scattate a seguito dell’aggressione russa dell’Ucraina. Le istituzioni nazionali sono inoltre da tempo al lavoro per la messa a punto di una criptovaluta statale, il Rublo digitale. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Economia Ultima ora