Iran, padre di Mahsa Amini: “Nessuno mi dà una risposta sulla sua morte”


Il padre di Mahsa Amini, la ragazza curdo-iraniana di 22 anni deceduta il 16 settembre scorso a Teheran dopo essere stata arrestata dalla polizia perché non portava il velo in modo corretto, non ha finora ancora ottenuto accesso agli atti ufficiali del caso. “Nessuno mi dà una risposta sulla morte di mia figlia”, ha affermato Amjad Amini domenica dai media locali. “Non mi permettono nemmeno di vedere i file”, ha spiegato. Invece, gli è stato detto che doveva essere paziente, ha aggiunto Amini. 

Il presidente iraniano Ebrahim Raisi gli aveva promesso che sulla morte di sua figlia ci sarebbero state indagini “ma finora non è successo nulla”, ha detto il padre secondo il sito Eghtesad-News. Gli avvocati di Amini avevano chiesto alla magistratura l’accesso ai fascicoli e alle registrazioni video della polizia. 

Non è chiaro cosa sia successo a Mahsa Amini in custodia. Gli oppositori accusano di brutalità la polizia mentre le forze dell’ordine respingono le accuse e il ministero dell’Interno del Paese ha affermato che non erano da biasimare, sostenendo che la giovane donna è morta per insufficienza cardiaca alla stazione di polizia. Dalla sua morte, centinaia di migliaia di persone hanno manifestato in tutto il Paese contro il governo. Testimoni nella capitale hanno affermato che sia le forze di sicurezza che i manifestanti sono diventati sempre più violenti. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora