Intervista esclusiva a Sonia Aquino: «Sono una donna ironica, sensibile e forte»


Ogni mercoledì sera, in prima serata su Canale 5, i telespettatori stanno assistendo ad una fiction di grande successo: Storia di una famiglia perbene. Tra i protagonisti c’è anche Sonia Aquino, scelta per dare vita ad Angelica Straziota, la moglie del temibile boss e contrabbandiere don Nicola (Vanni Bramato), avverso alla famiglia De Santis capeggiata dal personaggio interpretata da Giuseppe Zeno. Una donna controversa interpretata da un’attrice che è un volto noto della fiction nostrana e che si è raccontata sulle pagine di Sbircia la Notizia Magazine per raccontarci alcuni aneddoti della “sua” Angelica e non solo.

Con la collaborazione di Roberto Mallò per Massmedia Comunicazione

Sonia, parliamo di Angelica Straziota, il personaggio che interpreta in Storia di una famiglia perbene. Che cosa pensa di lei?

“Angelica è una donna forte, tenace, testarda, cinica, intelligente e molto scaltra. Sa quando intervenire e tacere, sa muovere molto bene i fili. Conosce molto bene gli equilibri. Ama profondamente suo marito, i suoi figli e cerca di proteggerli in tutti i modi. Viene dalla sofferenza, che ha poi trasformato in rabbia e voglia di riscatto. Insegue i soldi perché insegue il potere. Al di là poi di tutti gli sviluppi negativi, perché viene inquadrata come un personaggio tale, se andiamo in fondo nella sua personalità scopriamo che è una donna nella quale ci possiamo riconoscere. E’ madre protettiva, è donna sofferente, che si conquista la vita tutti i giorni”.

Che tipo di madre è Angelica? Come la descriverebbe?

“Ritengo che Angelica sia una madre come tante altre. Ama i suoi figli e li vuole proteggere; vuole far sì che la famiglia sia unita e che resti unita. Vuole che tutti abbraccino, in qualche modo, la scelta che Angelica e il marito hanno fatto a monte, cioè quella del potere, del danaro e della delinquenza. E mentre i primi due figli avallano questa scelta, il minore Michele di distacca. E questo è un male per Angelica, che ritiene che l’amore per la musica sia un capriccio e che Maria non sia degna del figlio. Quindi si batte perché lui capisca che nella vita contano la famiglia e il potere”.

Per quale motivo, dal suo punto di vista, la fiction sta piacendo così tanto al pubblico da casa?

“La serie sta piacendo molto perché innanzitutto è ben girata, perché è ben raccontata e dà forti emozioni. Il pubblico quando va al cinema, al teatro o guarda la televisione ha voglia di allontanarsi dai propri problemi, di dimenticare quello che è successo durante il giorno per immergersi completamente in una nuova storia. Questa serie ti consente di emozionarti. Dà emozioni molto forti. Ci sono delle scene che ti scuotono, ti turbano, ma che poi ti portano anche in una dimensione romantica perché fondamentalmente è una bellissima storia d’amore. Un Romeo e Giulietta dei giorni nostri con un amore impossibile. Michele e Maria lotteranno fino alla fine per coronare il loro sogno, il loro progetto di vita”.

La fiction tocca molte tematiche: la violenza, l’amore tra i giovani Michele e Maria, l’omosessualità di Salvo Straziota. Pensa sia importante, in qualche modo, veicolare dei messaggi?

“Questa serie è uno spaccato della nostra realtà, che non è fatta dalla pagina dei social, ma di tematiche forti e importanti come l’omosessualità, l’amore, la delinquenza, la violenza. Noi come artisti, come gente dello spettacolo, come quelli che raccontano, abbiamo l’obbligo di portare sotto l’occhio di tutti certe tematiche affinché vengano accettate, sdoganate, capite, comprese. Bisogna aprire la mente di chi ha voglia di guardarci per farli ragionare in una maniera diversa”.

Al giorno d’oggi, per un attore, è difficile farsi strada? Quali sono le difficoltà a cui si va incontro? E cosa consiglia a chi vuole intraprendere questa strada?

“Direi di sì. Oggi tutti vogliono fare gli attori. E’ sempre più difficile farsi strada perché la concorrenza è fortissima e perché oggi i metri di giudizio sono cambiati rispetto a prima. Oggi si sceglie il personaggio e non l’attore per far fare ascolti. Sono cambiati moltissimo i meccanismi rispetto a qualche anno fa. Il consiglio che io posso dare, per non essere un meteora e resistere nel tempo, è sicuramente quello di studiare”.

Quali sono le tappe fondamentali della sua carriera?

“Ho dei bei ricordi di tutti i lavori che ho fatto. In ogni lavoro ho lasciato un pezzo di cuore; ho messo la mia anima. Sono stati tutti degli insegnamenti importanti, che mi hanno resa l’attrice che sono oggi”.

Che cosa le piace fare nel tempo libero? Quali sono i suoi hobby?

“Cose assolutamente normali e semplicissime. La prima cosa è stare con mio figlio, che è un bellissimo ometto di undici anni. Divoro libri, film. Mi piace moltissimo andare a scovare le diverse mostre d’arte che ci sono. Vado in palestra, passo il tempo con le persone care”.

Come si descrive da compagna e mamma?

“Bisognerebbe chiederlo a mio figlio. Sono protettiva, presente, divertente. Gioco molto con lui e ci parlo molto perché ritengo che il dialogo sia fondamentale per la crescita del rapporto. Come compagna, cito la Mannoia: dolcemente complicata”.

Tre aggettivi giusti per definirsi?

“Solo tre aggettivi? Sono troppo pochi. Allora, sono una donna ironica, sensibile e forte”.

Qual è il suo più grande sogno professionale e/o personale ?

“Non sono una donna che sogna, ma una donna che progetta. Il primo progetto in assoluto è quello di far crescere mio figlio sano, equilibrato, onesto e felice. Per quanto riguarda la parte professionale di idee ce ne sono tante ma sono scaramantica e quindi non riesco a dirle”.

© Sbircia la Notizia Magazine, è vietata qualsiasi ridistribuzione o riproduzione del contenuto di questa pagina, anche parziale, in qualunque forma.

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Interviste Spettacolo Tv & Gossip

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *