Infrastrutture, Meritocrazia Italia: “Qualità passa da merito e legalità”


“Dal problema alla soluzione. Che merito e legalità siano requisiti essenziali per la realizzazione di infrastrutture di qualità è fatto noto. Lo si ribadisce di continuo, per quanto si sappia anche che ripristinare livelli di assoluta legalità non basta a raddrizzare ogni stortura. Più utile, per dare concretezza al concetto, è provare a capire come migliorare le cose. In tanti puntano esclusivamente sullo snellimento delle procedure. C’è chi prospetta, quale panacea di tutti i mali, l’opportunità di dare vigore permanente al ‘decreto Genova’ del 28 settembre 2018, approvato in gran fretta, esattamente un mese e quattordici giorni dopo la nota tragedia, per velocizzare la costruzione nel ‘nuovo Ponte Morandi’, il ‘Genova San Giorgio’ inaugurato il 3 agosto 2021”. E’ quanto sottolinea l’associazione Meritocrazia Italia. 

“Il provvedimento è stato utile, è vero, per dar celerità alle operazioni, – sostiene – ma non può dirsi ottimale in termini di trasparenza e controllo, con un solo commissario straordinario che praticamente, fatte salve le norme sull’antimafia, può agire in deroga. Come sempre, ‘in medio stat virtus’. L’urgenza degli interventi è diffusamente avvertita, ma, allo stesso tempo, è essenziale anche mantenere inalterata la catena dei controlli”. “Tempi stretti di realizzazione e qualità dell’opera spesso non sono un binomio perfetto” rimarca l’associazione Meritocrazia Italia: “la verità è che, per verso, se si vuole costruire più rapidamente, occorre alleggerire le procedure; per l’altro, i controlli necessari portano a inevitabili rallentamenti. Senza contare l’attenzione che va riservata al tema della sicurezza sul lavoro”. 

Pochi sanno che l’A1, l’autostrada del Sole, quella che collega Milano e Napoli, fu costruita in soli otto anni, ma pure si ignora che la realizzazione dell’opera costò 160 vite umane. 160 morti sul lavoro. All’epoca c’era minore sensibilità sul tema, ma resta importantissimo”. Non si possono trascurare alcune pericolose storture normative. Si pensi all’abuso d’ufficio, sanzionato dall’art. 323 c.p. ‘con la reclusione da uno a quattro anni’. Il rischio di essere indagati per il reato di abuso di ufficio determina spesso quella condotta definita come ‘amministrazione difensiva’. Per evitare i già gravissimi ritardi, è necessario ripensare l’abuso di ufficio restringendone il campo di applicazione alle sole fattispecie che effettivamente comportano un pericolo per il buon andamento della pubblica amministrazione.  

Meritocrazia Italia dunque individua alcune soluzioni. “Che le procedure vadano riviste e snellite è certo. Che serva un ritorno alla competenza anche. Intensificare il sistema dei controlli, con organizzazione fin da prima dell’avvio dei lavori, garantendo la certezza dei tempi, è un altro tassello del puzzle. Saper assicurare rigore alla durata dei lavori, anche nel caso di sopravvenienze, è essenziale. Perché tutto, come ripensato, funzioni, però, serve anche altro”. Inoltre, “serve congegnare strumenti a presidio della legalità. La severità delle pene per le responsabilità, negligenze e fenomeni corruttivi può essere utile deterrente e sollecitare trasparenza e onestà, ma certamente non mancano leggi in tal senso”.  

“La minaccia di gravi sanzioni non è stata di particolare aiuto finora. Diversi sono stati gli interventi già posti in essere per arginare il fenomeno della corruzione nel settore degli appalti pubblici. Utile potrebbe essere, al fine di garantire più adeguati livelli di legalità e quindi di qualità, ad esempio sul piano della prevenzione, – suggerisce l’associazione – introdurre più penetranti regole di incompatibilità e di inconferibilità, per evitare l’affidamento di incarichi dirigenziali, o di responsabilità in enti pubblici o in controllo pubblico, a chi abbia ricoperto incarichi di tipo politico locale. E ancora introdurre obblighi di pubblicità rafforzati in merito agli atti della procedura di gara, dalla pubblicazione del bando sino all’aggiudicazione ed anche in relazione alla fase esecutiva del rapporto. Infine, affidare il monitoraggio e la vigilanza su stato di esecuzione dell’appalto, stato di avanzamento dei lavori ed eventuali varianti in corso d’opera ad Autorità nazionale e non soltanto al Responsabile unico del procedimento”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Economia Ultima ora