In occasione del suo 142° compleanno, Google oggi omaggia con un Doodle il Dr. Wu Lien-teh, inventore della mascherina chirurgica


Oggi, 10 Marzo 2021, è anche l’anniversario dell’entrata in vigore del Dpcm presentato dall’ex Premier Giuseppe Conte che impose il lockdown nazionale.

Il Dottor Wu Lien-teh, nacque a Penang il 10 marzo 1879, da genitori cinesi immigrati, divenne il primo studente di discendenza cinese a laurearsi in medicina all’Università di Cambridge.

Il dottor Wu, un forte sostenitore del progresso medico, è stato anche il primo candidato al Premio Nobel della Malesia nel 1935. Nominato per il prestigioso premio in fisiologia e medicina per il suo lavoro nella lotta contro la peste polmonare, avvenuto dopo il lavoro del dottor Wu in Cina, dopo la sua carica a indagare su un’epidemia sconosciuta all’epoca, che aveva colpito la Cina nord-occidentale. Successivamente ha identificò la malattia come una peste polmonare altamente contagiosa che aveva contagiosa trasmissione respiratoria da uomo a uomo.

Questa scoperta portò il dottor Wu a progettare e produrre una speciale mascherina chirurgica con cotone e garza, aggiungendo diversi strati di tessuto per filtrare le inalazioni dalle droplets.

Aveva anche consigliato alle persone di indossare la sua nuova invenzione e aveva lavorato con funzionari governativi per stabilire stazioni di quarantena e ospedali d’accoglienza, limitare i contatti e applicare tecniche di sterilizzazione graduali. Infatti oltre a ideare le mascherine chirurgiche, fu tra i promotori della quarantena e della sanificazione degli edifici. Il lavoro del dottor Wu contribuì a porre fine alla pandemia, nota come la peste della Manciuria, nell’aprile del 1911, appena quattro mesi dopo aver assunto il compito di combattere l’epidemia.

Era l’inverno del 1910, Wu Lien-teh ricevette istruzioni dal ministero degli Esteri cinese di recarsi ad Harbin in Manciuria per indagare su una malattia sconosciuta che uccise il 99,9% delle persone colpite. Questo fu l’inizio di una grave pandemia di peste polmonare in Manciuria e Mongolia colpì 60.000 vittime. Wu è ricordato per aver chiesto di bruciare i corpi delle vittime decedute poiché la cremazione si rivelò l’unico modo per porre fine alla propagazione.

Wu presiedette la conferenza internazionale sulla peste a Mukden ( Shenyang ) nell’Aprile 1911, un raduno storico di scienziati provenienti da Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Italia, Austria-Ungheria, Paesi Bassi, Russia, Messico e Cina. Successivamente presentò un documento di ricerca sulla peste al Congresso Internazionale di Medicina a Londra nell’Agosto 1911che venne pubblicato lo stesso mese su The Lancet. Wu fu il primo Presidente della China Medical Association (1916-1920) e diresse il servizio di quarantena nazionale (1931-1937).

Nel 1937, dopo l’occupazione giapponese di gran parte della Cina e la ritirata dei nazionalisti, Wu tornò in Malesia dove lavorò come medico di base a Ipoh . Per incoraggiare i giovani a scoprire la lettura. Wu raccolse instancabilmente donazioni per aprire la Biblioteca Perak (ora Biblioteca Tun Raza) a Ipoh, una biblioteca pubblica gratuita. Nel suo studio medico al 12 di Brewster Road (ora Jalan Sultan Idris Shah), le lunghe code di persone erano comuni, mentre consultava e curava i poveri gratuitamente. Ha praticato la medicina fino all’età di 80 anni, quando ha comprato una casa a Penang per andare in pensione. È morto21 gennaio 1960.

Una strada ha preso il suo nome in suo onore a Ipoh Garden South, una zona residenziale tra Hock Lee Park e l’East Garden. A Penang, una strada privata chiamata Taman Wu Lien Teh si trova vicino alla Penang Free School.

Wu Lien-teh è considerata la prima persona a modernizzare i servizi e gli studi medici in Cina. All’Università di Medicina di Harbin, le statue in bronzo di Wu Lien-teh sono installate in memoria dei suoi contributi alla salute pubblica, alla medicina preventiva e all’educazione medica. In Malesia, una piazza davanti alla scuola libera di Penang è denominata Taman Wu Lien Teh.

Google, oggi ha anche condiviso i teneri pensieri della pronipote del dottor Wu, sul tributo a Doodle.

Siamo onorati che Google festeggi il compleanno del nostro bisnonno. Poco più di un secolo fa, ha contribuito a combattere una piaga in Cina e ha sviluppato tecniche come indossare una mascherina, che usiamo ancora oggi nella nostra lotta contro la pandemia da Covid-19.

Crescendo, abbiamo sentito le storie di nostro padre sul nostro bisnonno, che era famoso per il controllo della peste polmonare della Manciuria, una malattia mortale per quasi tutti coloro che la contrassero. Un libro sul nostro tavolino con una copertina a brandelli, Plague Fighter, ci ha ricordato ogni giorno i suoi strepitosi successi.

La sua storia ha suscitato qualcosa in me e sin dalla tenera età ho sognato di diventare un medico. Eppure è stato solo nel 1995, quando ho partecipato alla celebrazione dell’80° anniversario della sua fondazione dell’Associazione Medica Cinese, che ho davvero apprezzato la sua eredità.

Nel 2018, ho viaggiato con la mia famiglia ad Harbin, nel nord-est della Cina, per visitare un museo e un istituto di ricerca costruiti in onore del mio bisnonno. Era emozionante seguire le sue orme nella stessa città in cui aveva sedato l’epidemia di peste un secolo prima. Oggi, come medico di emergenza che curo pazienti Covid-19, apprezzo ancora di più il suo coraggio.

Un anno fa, ero terrorizzata da quanto poco sapessimo del coronavirus. Anche adesso, trovo difficile immaginare cosa deve aver provato il mio bisnonno mentre curava i pazienti che avevano contratto la peste. Ma mi sento anche più vicina a lui adesso più che mai, quando esorto i miei pazienti a praticare l’allontanamento sociale e indossare una mascherina, le stesse tecniche di cui lui è stato pioniere per salvare la Cina e forse il mondo, da una piaga. Wu Lien-teh rimane un eroe oggi, tanto quanto lo era allora.

C’è qualcuno seduto all’ombra oggi perché qualcun altro ha piantato un albero molto tempo fa…” (Warren Buffett)

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Attualità Coronavirus