Attualità Cronaca Tecnologia

Il miliardario cinese Jack Ma è scomparso da ottobre


Il fondatore del sito di e-commerce Alibaba non è stato più visto in pubblico dall’ottobre 2020. Durante la sua ultima apparizione, l’uomo più ricco della Cina ha tenuto un discorso, il 24 ottobre, durante il quale criticò i regolatori finanziari cinesi.

Dalla fine di ottobre, il miliardario cinese Jack Ma, fondatore del sito di e-commerce Alibaba, non ha dato alcun segno di vita. L’ultima apparizione del 25° uomo più ricco del mondo risale al 24 ottobre, secondo il Financial Times.

Quel giorno, Jack Ma è particolarmente critico nei confronti del regime cinese. Durante questo discorso, l’uomo di 56 anni ha chiesto una riforma del sistema finanziario cinese. Queste dichiarazioni avevano portato a una citazione da parte delle autorità e sanzioni finanziarie nei suoi confronti.


Una discesa agli inferi

Pechino aveva scelto di sospendere l’IPO di Ant Group, la banca online di Alibaba. Questa cancellazione ha fatto precipitare l’azione del gruppo di Jack Ma . Il 24 dicembre, il regime comunista ha annunciato l’apertura di un’indagine che sospettava il gruppo di “pratiche monopolistiche”. Nonostante tutti questi colpi di scena, il miliardario cinese non è più apparso in pubblico, secondo il Financial Times. L’ultimo tweet del miliardario risale al 10 ottobre 2020.

A causa “della sua agenda fitta di impegni“, a novembre non si è neanche presentato al reality show, creato da lui stesso e di cui era giudice, Africa’s Business Heroes. È stato sostituito da un dipendente del gruppo Alibaba.

I miliardari, obiettivi di Pechino

Sembrerebbe che il regime cinese non abbia nessuna esitazione a neutralizzare gli uomini d’affari che criticano il Governo: Ren Zhiquiang, magnate immobiliare, è stato condannato a 18 mesi di prigione; Sun Dawu, fondatore dell’omonimo gruppo, è stato arrestato dopo aver criticato l’intervento della polizia in una disputa sui terreni agricoli sul social network Weibo.


Il miliardario Guo Wengui, fuggito dalla Cina nel 2014, ha anche twittato nel 2019 che Jack Ma “sarebbe probabilmente finito in prigione o sarebbe morto” nel 2020 perché la Cina “vuole riprendere il controllo” della sua azienda. Resta da vedere se le sue previsioni siano corrette.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *