Il diritto a essere disconnessi


Lo chiamano smartworking ma nella maggior parte dei casi è memo smart di quello che sembra, in realtà è solo telelavoro: un lavoro con postazione fissa al di fuori della sede aziendale, orari ricalcati sulle mansioni che si svolgevano in ufficio, ma da remoto. Altra cosa è lo smartworking, lavoro agile che si basa su obiettivi più che su orari, e permette di conciliare meglio vita privata e lavorativa grazie a una maggiore flessibilità organizzativa, e può essere svolto da casa (o comunque da remoto) così come con presenza in azienda. 

 

Qualsiasi sia la formula scelta, però, non è stato raro vederla abusata, senza il rispetto di pause, orari e festività. Burnout e superlavoro sono alcuni fra i tratti meno felici che la pandemia si lascerà come eredità nella riorganizzazione del lavoro, esigenze da cui parte la proposta al Parlamento europeo di regolamentare a livello sovranazionale il diritto alla disconnessione. L’iniziativa è partita dal rappresentante maltese Alex Agius Saliba, che è a capo di una proposta che vuole chiedere alla Commissione Europea una direttiva univoca in materia. 

 

La verità è che, grazie agli smartphone, siamo tutti potenzialmente raggiungibili in ogni momento: ma questo non può e non deve tradursi in un obbligo. Secondo uno studio condotto negli scorsi mesi da Eurofund, dall’inizio della pandemia il lavoro da remoto è aumentato del 30%, ma lavorare da casa ha raddoppiato il rischio di superare la durata massima di 48 ore settimanali e aumentato del 25% l’impiego del tempo libero per esigenze lavorative. 

 

Già da tempo, singoli Paesi e anche le aziende più illuminate avevano cercato di regolamentare la questione. Nel 2012 la Volkswagen aveva deciso di bloccare l’accesso a parte dello staff alle email di lavoro fuori dall’orario d’ufficio. Nel 2017 la Francia aveva varato regole che imponevano limiti più rigidi su orari e doveri dei lavoratori da remoto, arrivando fino al punto di multare in modo consistente (circa 60mila euro di sanzione) un’azienda che aveva violato questi limiti. Anche Germania e Irlanda hanno visto i movimenti sindacali ottenere importanti vittorie in materia, e lo stesso si sta facendo in Gran Bretagna su stimolo del Trades Union Congress. 

 

L’ostacolo trovato finora, però, è quello di riuscire a garantire il diritto alla disconnessione mantenendo al contempo la nuova flessibilità. Disconnettere il server di posta aziendale dopo una certa ora è una misura dettata da buone intenzioni ma che non scalfisce minimamente il problema. Quello che la proposta al Parlamento Europeo vuole ottenere è fissare dei requisiti minimi per tutelare i lavoratori all’interno di un quadro che consenta flessibilità di modi e orari, livellando il campo da gioco sia per chi torna in ufficio che per chi proseguirà con il lavoro smart o da remoto. E insieme al diritto alla disconnessione vuole introdurre anche una serie di regole che stabiliscano una volta per tutte fornitura, utilizzo e responsabilità delle attrezzature, nonché sgravi e vantaggi per tutti quei lavoratori che utilizzano le proprie utenze (elettricità e connessione internet in primis) per garantire il lavoro che prima della pandemia svolgevano in ufficio. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *