Attualità

Il 27 Gennaio ricorre la “Giornata della Memoria”, ecco le frasi più belle per ricordare


La Giornata internazionale della Memoria è una giornata commemorativa internazionale celebrata il 27 gennaio che commemora le vittime dell’Olocausto, il genocidio degli ebrei europei da parte della Germania nazista tra il 1941 e il 1945. Il 27 gennaio è stato scelto per commemorare la data in cui il campo di concentramento di Auschwitz fu liberato dall’Armata Rossa nel 1945.

La giornata ricorda l’uccisione di 6 milioni di ebrei e di altri 11 milioni da parte del regime nazista e dei suoi collaboratori. È stata designata dalla risoluzione 60/7 dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 1° novembre 2005. La risoluzione è arrivata dopo che una sessione speciale che si è tenuta all’inizio di quell’anno, il 24 gennaio, per celebrare il 60° anniversario della liberazione dei campi di concentramento nazisti e la fine dell’Olocausto

Molti paesi hanno istituito le proprie Giornate commemorative dell’Olocausto. Anche nel Regno Unito cade il 27 gennaio, mentre ci sono altri Paesi, come lo Yom HaShoah di Israele, in cui vengono osservati in altri periodi dell’anno.

Le frasi più belle per ricordare

Per un attimo vidi una pistola a terra, pensai di raccoglierla. Ma non lo feci. Capii che io non ero come il mio assassino. Da allora sono diventata donna libera e di pace”. (Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz ed oggi senatrice a vita)

Se la tolleranza democratica fosse stata ritirata quando i futuri capi cominciarono la loro campagna, l’umanità avrebbe avuto la possibilità di evitare Auschwitz e una guerra mondiale.” (Herbert Marcuse)

La peste si è spenta, ma l’infezione serpeggia.” (Primo Levi)

Il progresso, lungi dal consentire il cambiamento, dipende dalla capacità di ricordare… Coloro che non sanno ricordare il passato sono condannati a ripeterlo.” (George Santayana)

Guardare indietro è un po’ come rinnovare i propri occhi, risanarli. Renderli più adeguati alla loro funzione primaria, guardare avanti.” (Margaret Fairless Barber)

Se Dio esiste, dovrà chiedermi scusa.” (Scritta apparsa su un muro di Auschwitz)

La memoria si blocca. Ma è ancora lì tutta intera. Anche le cose più dimenticate si ripresentano, ma quando vogliono loro.” (Elias Canetti)

Il vero potere non è poter uccidere, ma avere tutti i diritti di farlo, e trattenersi!” (tratto da Schindler’s List)

Chiunque contesti l’esistenza delle camere a gas di Auschwitz è sempre o un vecchio nazista o un neonazista.” (Simon Wiesenthal)

Noi siamo la memoria che abbiamo e la responsabilità che ci assumiamo. Senza memoria non esistiamo e senza responsabilità forse non meritiamo di esistere.” (José Saramago)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *