Identità e successo


Milano, 05/05/2021 – Ecco come Surplex ha costruito la sua identità sui concetti di “competenza digitale” e “servizio personale” per poi raggiungere il successo. 

Tra le case d’asta industriali in Europa, Surplex è uno dei protagonisti del mercato. Questa azienda di e-commerce è specializzata nel commercio digitale di macchinari usati. Le vendite stanno crescendo ad un ritmo di due cifre anno dopo anno da un decennio. Tra il 2009 e il 2021, il numero di dipendenti è aumentato da 16 a oltre 200. Nemmeno la pandemia di coronavirus ha potuto fermare questa serie di successi. Nel 2020, circa 60.000 macchine e attrezzature aziendali sono passate di mano grazie a circa 500 aste online – ciò rappresenta un aumento delle vendite di circa il 10% rispetto all’anno precedente. Surplex – non colpito dal coronavirus – è in una posizione migliore che mai. Ma com’è possibile tutto ciò? 

Parte della spiegazione sta sicuramente nell’intelligente strategia di espansione che Surplex sta attuando dal 2013. La casa d’aste industriali ha ora le sue sedi in tredici paesi europei (a partire da marzo 2021). Questi includono Spagna, Italia, Francia, Olanda e Regno Unito, ma anche Austria, Svizzera, Polonia ed Europa sud-orientale. Ma ancora una volta, la domanda sorge spontanea: come mai sembra che anche in questi mercati si sia aspettato l’arrivo di Surplex? Per capire meglio questa storia di successo, è utile dare un’occhiata agli inizi dell’azienda. 

I quattro giovani pionieri dell’Internet che hanno fondato Surplex nel 1999 volevano rendere il commercio di macchinari usati più veloce, più semplice e più economico. A quel tempo, il commercio di macchinari tradizionale era frammentato a livello regionale, costoso e poco trasparente. Tuttavia, questa generazione di fondatori era 10 anni avanti rispetto al suo tempo. In quel momento, non c’erano né i presupposti tecnici né quelli psicologici per il commercio online globale di macchinari usati. Ma soprattutto si è trascurato il fatto che i macchinari usati sono prodotti che necessitano di presentazioni, che hanno un grande peso. In più, anche se questi si possono vendere ovunque nel mondo con un clic, non è affatto facile trasportarli. Tutto ciò non è stato quasi preso in considerazione all’inizio. 

Tutto è successo molto rapidamente. Per un breve periodo una stella della new economy, Surplex è scomparsa nella nicchia per anni dopo lo scoppio della bolla delle dotcom, ma poi è riapparsa nel 2009 come Surplex GmbH. I due gestori, Michael Werker e Uli Stalter – ai quali si è successivamente aggiunta Ghislaine Duijmelings come terzo gestore – hanno fatto buon uso di questo tempo. Si sono costantemente impegnati a sviluppare i punti di forza dell’azienda, ma si sono anche costantemente occupati di eliminare le sue debolezze. Surplex è rimasto fedele all’allora rischioso commercio online, diventando uno dei pionieri delle aste online. Allo stesso tempo, sempre più esperti sono stati gradualmente portati a bordo per offrire un servizio a 360 gradi. 

Il concetto sviluppato da Michael Werker e Uli Stalter si è dimostrato valido fino ad oggi: Surplex ha fatto suo il DNA digitale dell’e-commerce da un lato e la propensione al servizio personale completo del classico commercio di macchinari dall’altro. Come risultato, i punti di forza di entrambe le aree sono stati combinati in un nuovo e promettente modello imprenditoriale. Alla base della competenza digitale c’è la potente piattaforma di aste surplex.com, che è online ininterrottamente dal 1999 ed è continuamente sviluppata da un grande team informatico. Nella crisi del coronavirus, per esempio, il numero di appuntamenti in loco è stato ridotto al minimo grazie all’uso di nuove tecnologie del web, come il tour virtuale della fabbrica in 3D. 

Ma l’identità dell’azienda si basa in egual misura sulle capacità umane. I clienti di Surplex beneficiano non solo di un e-commerce all’avanguardia, bensì anche del servizio personale dei circa 200 esperti dedicati che fanno parte di Surplex. Questi specialisti in macchinari, mercati, valutazioni, logistica, dogane, assistenza clienti, ecc. permettono un servizio unico nel commercio di macchinari a livello mondiale. Infatti Surplex è l’unica casa d’aste industriali in tutta Europa che organizza lo smantellamento, il trasporto e lo sdoganamento per l’esportazione di macchinari da un’unica fonte. 

Competenza digitale più servizio personale – con questa formula Surplex riesce meglio di altri a creare una situazione vantaggiosa per tutte le parti interessate. Gli acquirenti acquistano su surplex.com macchinari usati immediatamente disponibili in una vasta selezione a prezzi vantaggiosi. I venditori ottengono tramite surplex.com liquidità il più rapidamente possibile per macchinari e attrezzature aziendali che a causa di chiusure di impianti o ristrutturazioni non sono più necessari. Da un lato, entrambi beneficiano dell’efficienza del e-commerce, che rende possibile la vendita globale di grandi quantità di beni industriali, mentre dall’altro, beneficiano di un servizio completo che sgrava completamente sia l’acquirente che il venditore in tutte le fasi del processo di vendita. 

Il segreto del successo di Surplex sta quindi nella sua identità chiaramente costruita intorno ai termini “digitale” e “personale”. Ma per avere successo non bastano le competenze tecniche e una profonda comprensione delle esigenze dei clienti. Bisognerebbe avere anche la consapevolezza della propria identità come azienda. 

Per informazioni su Surplex:
 

Surplex è una delle principali case d’asta industriali europee e si occupa di macchinari e attrezzature di fabbrica usati a livello mondiale. La piattaforma surplex.com, disponibile in 16 lingue, registra ogni anno circa 50 milioni di visualizzazioni. Più di 55.000 beni industriali vengono venduti ogni anno in oltre 500 aste online. L’azienda ha la sua sede centrale a Düsseldorf e dispone di uffici in dodici paesi europei. Circa 200 dipendenti provenienti da 20 nazioni generano un fatturato annuo di oltre 100 milioni di euro. 

 

Contatti:
 

www.surplex.com
 

Tel.: +49-211-422737-28 

e-mail Direttore del Marketing:
dennis.kottmann@surplex.com
 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Immediapress

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *