Green Pass, Landini: “Non risolve problemi sicurezza, no a taglio salario o licenziamenti”


“Nessuno pensi che l’estensione della vaccinazione risolva tutti i problemi della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro. Vaccinarsi è importante e personalmente lo raccomando ma nelle aziende serve applicare il protocollo di sicurezza”. Così il segretario Cgil, Maurizio Landini al termine dell’incontro con il ministro del Lavoro, Andrea Orlando ribadisce la posizione del sindacato sul green pass. “Penso anche che se si pensa ad un obbligo comunque ci sia bisogno di un provvedimento legislativo: quindi è una responsabilità che il governo si deve assumere e in ogni caso non credo si possa pensare né a licenziamenti né a una riduzione della retribuzione nel caso il lavoratore non assolva questo obbligo ma anzi bisognerebbe lavorare perché la tutela, la sicurezza e l’applicazione dei Protocolli sia garantita dappertutto”. 

“In questi mesi purtroppo si è visto come si può continuare a morire sul lavoro anche se vaccinati, anche se con mascherine. Quindi è questo il punto su cui non può essere abbassata la guardia. Lo dico per evitare che questo tema diventi il tema della campagna politica”, aggiunge Landini. 

Capitolo pensioni: “Non solo abbiamo spiegato qual è la nostra piattaforma ma abbiamo anche chiesto esplicitamente che il governo ci dica se si può aprire o no una trattativa sulla nostra piattaforma. A settembre dunque è necessario entrare nel merito perchè il tipo risposte che ci verrano date sono importanti e noi intendiamo su questo farne una vera e propria vertenza, avviare una mobilitazione”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Economia Ultima ora