Green pass Italia da 6 agosto, governo alla stretta finale


Green pass Italia, governo alla stretta finale in vista del 6 agosto, quando scatterà l’obbligo relativo al certificato verde, indispensabile per l’accesso ad una serie di servizi ed esercizi commerciali, come i ristoranti al chiuso. Si lavora alle misure per prevenire i rischi connessi ad una possibile recrudescenza della pandemia da Covid-19, anche nella prospettiva della ripresa dell’anno scolastico. La ‘cabina di regia’ con il premier Mario Draghi e i ministri competenti sulle misure si terrà domani mattina, alle 11.30. Mentre il Cdm sarà convocato per le 16.  

Intanto oggi, sono stati a palazzo Chigi il ministro della Salute Roberto Speranza e il commissario all’emergenza Francesco Paolo Figliuolo.  

E proprio Figliuolo, in una lettera alle Regioni e alle Province autonome, ha chiesto di avere entro il 20 agosto dati precisi sul numero dei professori vaccinati. Dopo aver evidenziato che i dati relativi al personale scolastico arrivati finora “evidenziano, in alcuni casi, variazioni relative sia alle platee sia alle percentuali dei cittadini vaccinati”, Figliuolo nella lettera spiega che, “al fine di poter disporre di dati univoci che tengano conto del reale andamento della campagna vaccinale, è necessario che, per la scadenza del prossimo 20 agosto, ciascuna Regione/Pa che reputa necessario apportare modifiche proceda: per la platea, a chiarire la tipologia di personale, in servizio, che è stato considerato ‘scolastico’ (dirigente, docente, Ata, amministrativo, eccetera), distinguendo tra pubblico e privato (paritarie e non)”, e “per le somministrazioni a far rettificare il dato in Avn (facendo escludere dalla categoria il personale non in servizio) per coloro i quali si ritiene non siano registrati come parte della categoria pur essendo tali”. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Politica Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *