Green Pass, Galli: “Priorità è persuadere italiani a vaccinarsi”


“Sul Green Pass per accedere ai luoghi di lavoro si può e si deve discutere. La priorità è persuadere gli italiani a vaccinarsi, ma senza obblighi”. Lo dice alla Stampa Massimo Galli, professore ordinario di Malattie Infettive all’Università Statale e primario al Sacco di Milano, sottolineando che “i vaccini hanno cambiato la storia e ci proteggeranno dalla quarta ondata, ma bisogna che si vaccinino tutti in Italia e non solo, altrimenti la partita non finirà a meno che il virus non si indebolisca da solo. Purtroppo alcune regioni vanno a rilento. Sono d’accordo fino a un certo punto nel sostituire i ricoveri ai contagi come criterio per le zone gialle. Mi ricorda Johnson e la teoria del ‘ci si infetta, ma tanto non si finisce in ospedale’. Oltre alle ferie si paga il ritardo nella definizione del Green Pass e in giro sento troppa preoccupazione degli effetti a breve e lungo termine dei vaccini e poca di quelli del Covid”.  

Il nuovo Green Pass, secondo l’infettivologo, “porterà un effetto positivo come in Francia. Confonde invece l’atteggiamento verso i guariti, che meritano il Green Pass anche senza vaccinazioni. Nelle situazioni di comunità il Green Pass è utile. Deciderà il ministero della Sanità. Quanto a chiedere una dose nei ristoranti e due in discoteca, nutro qualche dubbio sui controlli, che mi sembrano più assicurati in grandi eventi, cinema e teatri”. Intanto i mezzi pubblici girano pieni. “È il motivo per cui le mascherine sono ancora importanti”, risponde Galli, che spiega che “bisogna ridurre la circolazione dell’infezione aumentando i vaccinati, da cui l’utilità dell’allargamento del Green Pass come strumento di persuasione. L’obbligo di vaccinazione? Solo per medici e infermieri del servizio pubblico, e anche qui ricordiamoci dei guariti che possono non vaccinarsi”.  

Riguardo all’eventualità che serva una terza dose, Galli afferma che “non è detto, se non in casi particolari come le persone fragili o su cui il vaccino non ha avuto effetto. Pfizer spinge per la terza dose, ma nel caso che sia una versione aggiornata alle nuove varianti e non la riedizione del vecchio vaccino”. Quanto alla riapertura della scuola in presenza, si devono “persuadere gli insegnanti a vaccinarsi per tempo, anche perché sono più a rischio degli studenti. Poi non potremo avere tutti i ragazzi coperti per settembre, anche perché al momento la vaccinazione è autorizzata fino a 12 anni, ma si potrebbe mettere in campo un sistema di sorveglianza epidemiologica per non permettere che diventino il principale serbatoio del virus. Bisogna spiegare che si possono ammalare raramente, però senza i giovani non si mette in sicurezza l’Italia, dunque tengano la mascherina con generosità e corrano a vaccinarsi”.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *