Genitori Renzi, aperto e subito rinviato processo per bancarotta 3 coop


Aperto oggi e subito rinviato il processo che vede Tiziano Renzi e Laura Bovoli, genitori dell’ex premier Matteo Renzi, imputati davanti al Tribunale di Firenze, in concorso con altri 13 imputati, per la bancarotta delle cooperative Marmodiv, Delivery e Europe Service. L’udienza è stata aggiornata al prossimo 20 luglio a seguito di tre notifiche non regolari dei decreti di citazione agli imputati. 

Nell’udienza già calendarizzata per il 2 novembre il collegio del Tribunale presieduto dal giudice Fabio Gugliotta riunirà a questo procedimento anche quello per le false fatture emesse, secondo la Procura, a vantaggio della società Eventi 6, che il 20 maggio scorso ha visto un nuovo rinvio a giudizio per i genitori e la sorella del leader di Italia Viva, Matilde. I Renzi stamani non erano in aula. Altre udienze sono previste per il 16 novembre e il 18 gennaio 2022. 

Con i coniugi Renzi, nel processo apertosi oggi sono imputate altre 13 persone, accusate a vario titolo di bancarotta fraudolenta e emissione di false fatture. Il processo riguarda il fallimento delle cooperative Delivery Service Italia, Europe Service e Marmodiv, che si occupavano in particolare di volantinaggio e distribuzione di materiale pubblicitario. Secondo le accuse della Procura di Firenze, Tiziano Renzi e Laura Bovoli sarebbero stati amministratori di fatto delle tre coop, tramite persone di fiducia o comunque condizionando le decisioni prese all’interno delle stesse società dedite in particolare al volantinaggio e alla distribuzione di materiale pubblicitario. Gli altri imputati sono i legali rappresentanti delle cooperative coinvolte, componenti dei cda e imprenditori. 

L’indagine era partita dalla Delivery Service Italia, cooperativa dichiarata fallita a giugno 2015 e di cui Tiziano Renzi e Laura Bovoli sarebbero stati, per la Procura, amministratori di fatto fino a giugno 2010. In questo caso secondo le accuse i due coniugi, con altri – tra cui Roberto “Billy” Bargilli, l’autista del camper di Matteo Renzi per le primarie per la segreteria del Pd del 2012 e in passato nel cda della cooperativa – avrebbero cagionato “il fallimento della società per effetto di operazione dolosa consistita nell’aver omesso sistematicamente di versare gli oneri previdenziali e le imposte, o comunque, aggravando il dissesto”. 

Per quanto riguarda la Europe Service, fallita ad aprile 2018, invece i coniugi Renzi – considerati dalla Procura “amministratori di fatto fino a dicembre 2012” – sono accusati con altri di aver sottratto “con lo scopo di procurarsi un ingiusto profitto e di recare pregiudizio ai creditori, i libri e le altre scritture contabili”. C’è poi il caso della Marmodiv, cooperativa fallita con sentenza del Tribunale di Firenze il 20 marzo 2019. La bancarotta fraudolenta in questo caso viene contestata oltre che a Tiziano Renzi e Laura Bovoli, anche a Giuseppe Mincuzzi “presidente del cda fino al marzo 2018” e a Daniele Goglio “amministratore di fatto fino a marzo 2018” della Marmodiv. 

Per il procuratore aggiunto Luca Turco, titolare del fascicolo di indagine, i quattro indagati “concorrevano a cagionare il dissesto della società esponendo, al fine di conseguire un ingiusto profitto, nel bilancio di esercizio al 31 dicembre 2017, approvato dall’assemblea dei soci il 27 giugno 2018 nell’attivo patrimoniale, crediti per ‘fatture da emettere’ non rispondenti al vero per un importo superiore a 370 mila euro, così iscrivendo a conto economico maggiori ricavi ed evitando di evidenziare una perdita d’esercizio”. 

Così, continua il capo di imputazione formulato dalla Procura fiorentina, “Renzi, Bovoli e Mincuzzi – presidente del consiglio di amministrazione fino al 15 marzo 2018 – erano in grado di ‘cedere’ all’amministratore di fatto Daniele Goglio la cooperativa ormai fortemente indebitata e Goglio poteva tenere la condotta distrattiva contestata”. Per la Marmodiv i coniugi Renzi, con altre sei persone, sono accusati anche di aver emesso alcune fatture “per operazioni… in parte inesistenti” “al fine di consentire alla ‘Eventi 6’ l’evasione delle imposte sui redditi”. 

Il 7 ottobre del 2019 il Tribunale di Firenze ha condannato in primo grado a un anno e nove mesi di reclusione (pena sospesa) Laura Bovoli e Tiziano Renzi e a due anni l’imprenditore Luigi Dagostino al termine del processo per due fatture false emesse dalla Party srl (da 20mila euro più Iva) e alla Eventi 6 srl (140mila euro più Iva), società imprenditoriali gestite dai genitori del leader di Italia Viva. Dagostino era accusato, oltre che di fatture false, anche di truffa aggravata, perché avrebbe pagato i coniugi Renzi per lavori inesistenti. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *