Generali, l’economista Lamberti: “Passo Caltagirone inevitabile, ora è improbabile arrivare a un compromesso”


La decisione di Francesco Gaetano Caltagirone di dimettersi dal cda di Generali “è un passo inevitabile, segno che sarà altamente improbabile questa volta che si arrivi a un compromesso finale”. Lo dice, all’Adnkronos, l’economista Lucio Lamberti. “Nel risiko assicurativo e bancario che sta cambiando la geografia del nostro assetto finanziario – ricorda – la partita Generali avrà un peso significativo. Ad di là delle questioni tecniche che continueranno ad alimentare polemiche, tra cui il nodo del prestito azioni e della presentazione di liste da parte del cda uscente, al centro della querelle rimane il nodo dei rapporti di forza con Mediobanca e il ruolo aggregante di Generali nei prossimi anni”, sostiene Lamberti. 

“Nel pieno della crisi pandemica è fisiologico che si accelerino gli smottamenti. Il cambiamento che coinvolge ormai tutte le maggiori istituzioni finanziarie sta disegnando i protagonisti del prossimo domani. Come nella vicenda aggregativa Bper-Carige, o la vicenda Montepaschi. E’ quindi normale che in questo scenario Caltagirone, Della Valle e altri imprenditori, che hanno investito molto nella finanza, cerchino di essere protagonisti anche più che in passato”, conclude Lamberti. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *