Entra in contatto con noi

Coronavirus

G20 Roma, dal clima al covid: vertice al via

Pubblicato

il

G20 di Roma al via. Si tratta della prima riunione in presenza in oltre due anni dei leader mondiali, che il premier Mario Draghi sta accogliendo alla Nuvola all’Eur. Tra i temi sul tavolo il clima, il covid e le questioni della ripresa economica globale. Nell’arco della giornata il ‘padrone di casa ‘ al summit nella Capitale avrà inoltre diversi incontri bilaterali. Il primo è stato quello con il premier del Regno Unito Boris Johnson. I due leader, fotografati spalla a spalla, sono apparsi sorridenti. Johnson indossava il suo solito vestito blu, ma con il papavero sul revere sinistro che ricorda i caduti della Prima guerra mondiale. 

Si sono stretti le braccia Draghi e il presidente francese Emmanuel Macron. Dopo la foto di rito Draghi e Macron, hanno scambiato ancora alcune parole. ”Pugno contro pugno” invece tra il premier e la cancelliera tedesca Angela Merkel.  

Il presidente del Brasile Javier Bolsonaro è arrivato a La Nuvola indossando la mascherina. Convinto no vax, non ha avuto alcuna stretta di mano con il premier Draghi. Il ministro degli Esteri cinese Wang Yi ha approfittato del saluto di accoglienza del presidente del Consiglio italiano per un breve colloquio. Saluto con la mano sul cuore per i due leader, mentre Wang Yi si è tolto la mascherina e l’ha messa nella tasca interna della giacca per la foto. 

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è sceso in maniche di camicia dall’auto che lo ha portato alla Nuvola. Una volta sceso, ha indossato la giacca per l’accoglienza riservata da Draghi, con il quale ha avuto una stretta di mano. 

Alla Nuvola è arrivato anche il presidente di turno dell’Unione africana e presidente della Repubblica democratica del Congo, Felix-Antoine Tshisekedi. Per la prima volta, su iniziativa italiana, l’Unione africana partecipa a un G20. A nome dell’Unione africana, Tshisekedi chiederà ai Paesi del G20 un accesso equo ai vaccini anche per i Paesi in via di sviluppo. 

Nel pomeriggio alle 14 sarà la volta del presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdoğan, dunque alle 14.35 vedrà il primo ministro canadese, Justin Trudeau. L’agenda del presidente del Consiglio prevede poi, alle 15.35, il bilaterale con il presidente della Repubblica Democratica del Congo, Felix Tshisekedi; alle 16.05 con il presidente dell’Indonesia, Joko Widodo; infine, alle ore 16.40, ultimo bilaterale con il premier di Singapore, Lee Hsien Loong. 

La prima sessione del summit prevista per oggi sarà dedicata a “Economia globale e salute globale”, quindi alle 15 ci sarà un evento a margine sul sostegno alle piccole e medie imprese ed alle attività gestite dalle donne con l’intervento della regina Maxima d’Olanda. Durante i lavori, a quanto si apprende, ci saranno delle interruzioni per dare modo ai capi di Stato e di governo di avere una serie di incontri bilaterali, anche fuori del contesto del G20. Alle 19 è previsto per i leader e le consorti un evento culturale alle Terme di Diocleziano, quindi saranno ospiti del presidente della Repubblica Sergio Mattarella per una cena al Quirinale. 

Domani, domenica 31, dopo la photo-op alle 9, e dopo un evento a margine sul ruolo del settore privato nella lotta ai cambiamenti climatici che avrà il principe Carlo come speaker, i leader riprenderanno i lavori alle 11.05 con la sessione su “Cambiamenti climatici ed energia”, quindi alle 13.50 la sessione su “Sviluppo sostenibile” e alle 15.40 la sessione conclusiva, con l’adozione della dichiarazione finale. 

Per le 16.15 è prevista la conferenza stampa del premier Mario Draghi e a seguire ci saranno quelle degli altri leader internazionali. 

Sit in di protesta vicino alla zona rossa del G20 all’Eur. Una cinquantina di persone, verso le 7.40, ha tentato di bloccare la corsia centrale della Cristoforo Colombo. I manifestanti sono stati sgomberati. 

Ieri l’incontro del premier Draghi con il presidente Usa Joe Biden. “Stai facendo un lavoro straordinario. Abbiamo bisogno di dimostrare che le democrazie possono funzionare e che possiamo produrre un nuovo modello economico. Tu lo stai facendo!”, ha detto Biden entusiasta del lavoro portato avanti dall’ex presidente della Bce, traghettato a Palazzo Chigi da una pandemia che, nel marzo 2020, ha messo in ginocchio il Paese. Forte di una campagna vaccinale che avanza con decisione, di un’accelerazione sul green pass senza eguali in Europa e di un’Italia che finalmente è tornata a crescere, Draghi si affaccia al G20 supportato dall’asse con gli Usa.  

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Coronavirus

Covid oggi Calabria, 618 contagi e 2 morti: bollettino 4 dicembre

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Sono 618 i nuovi contagi da covid in Calabria secondo il bollettino di oggi, 4 dicembre. Si registrano inoltre altri due morti. 2.906 i tamponi effettuati, +335 guariti, il sale a 3.134 il totale dei decessi. Il bollettino, inoltre, registra +281 attualmente positivi, +1 ricoveri (per un totale di 144) e, infine, -1 terapie intensive (per un totale di 5). 

Continua a leggere

Coronavirus

Covid Francia, non escluso il ritorno alla mascherina obbligatoria

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Con i contagi da covid ancora in aumento, in Francia non si esclude il ritorno alla mascherina obbligatoria per frenare la diffusione del Coronavirus. A metterlo in chiaro è stato il ministro della Salute, François Braun intervenendo su Bfmtv, dove ha fatto appello alla responsabilità individuale dei suoi connazionali, e dicendosi comunque contrario alla coercizione.  

“Se i contagi continueranno ad aumentare non esiterò se sarà necessario imporre l’obbligo della mascherina, anche se fosse in ogni situazione”, ha affermato. Ma, ha aggiunto, spiegando di non essere “favorevole alla coercizione” “ho fiducia nei francesi”. Il ministro ha poi esortato i suoi concittadini a farsi vaccinare, mentre la campagna per la quarta dose non avanza: “Lancio un appello solenne alla vaccinazione”, ha dichiarato, facendo eco all'”appello solenne” della premier Elisabeth Borne a utilizzare la mascherina nei trasporti pubblici.  

Continua a leggere

Coronavirus

Covid oggi Toscana, 1.578 contagi e 1 morto: bollettino 4 dicembre

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Sono 1.578 i nuovi contagi da coronavirus oggi 4 dicembre in Toscana, secondo i dati dell’ultimo bollettino covid-19. Si registra1 morto. I nuovi casi, di cui 366 confermati con tampone molecolare e gli altri 1.212 con test rapido, sono lo 0,1% in più rispetto al totale del giorno precedente. Il numero dei contagiati rilevati nella regione dall’inizio della pandemia sale dunque a 1.533.565. I guariti crescono dello 0,1% (922 persone) e raggiungono quota 1.453.498 (94,8% dei casi totali). I dati, relativi all’andamento della pandemia, sono quelli accertati oggi sulla base delle richieste della Protezione civile nazionale. Al momento in Toscana risultano pertanto 68.862 positivi, +1% rispetto a ieri. Di questi 510 (8 in meno rispetto a ieri) sono ricoverati in ospedale: 26 (2 in meno) si trovano in terapia intensiva. 

Dall’ultimo bollettino quotidiano sono stati eseguiti 1.133 tamponi molecolari e 7.901 tamponi antigenici rapidi: di questi il 17,5% è risultato positivo. Sono invece 1.839 i soggetti testati, escludendo i tamponi di controllo: l’85,8% di questi è risultato positivo. 

L’andamento per provincia 

Con gli ultimi casi salgono a 413.390 i positivi dall’inizio dell’emergenza nei comuni della Città metropolitana di Firenze (359 in più rispetto a ieri), 101.053 in provincia di Prato (79 in più), 120.078 a Pistoia (121 in più), 78.758 a Massa Carrara (134 in più), 166.641 a Lucca (196 in più), 178.839 a Pisa (180 in più), 140.068 a Livorno (198 in più), 138.445 ad Arezzo (108 in più), 109.723 a Siena (83 in più) e 85.525 a Grosseto (111 in più). A questi vanno aggiunti 569 casi di positività notificati in Toscana ma che riguardano residenti in altre regioni. 

La Toscana ha circa 41.528 casi complessivi ogni 100.000 abitanti dall’inizio della pandemia (tra residenti e non residenti). Al momento la provincia di notifica con il tasso più alto é Lucca (con 43.401 casi ogni 100 mila abitanti), seguita da Pisa (42.786) e Livorno (42.574). La più bassa concentrazione si riscontra a Prato (con un tasso di 38.095). 

In 68.352 sono in isolamento a casa, perché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere o risultano prive di sintomi (663 in più rispetto a ieri, più 1%). 

I 1.453.498 guariti registrati a oggi lo sono a tutti gli effetti, da un punto di vista virale, certificati con tampone negativo. 

I decessi 

La lista dei decessi si aggiorna con 1 nuovo decesso: una donna di 80 anni. 

Relativamente alla provincia di residenza, la persona deceduta è a Lucca. 

Sono 11.205 i deceduti dall’inizio dell’epidemia: 3.548 nella Città metropolitana di Firenze, 911 in provincia di Prato, 1.000 a Pistoia, 708 a Massa Carrara, 1.053 a Lucca, 1.259 a Pisa, 837 a Livorno, 716 ad Arezzo, 602 a Siena, 410 a Grosseto. Vanno aggiunte 161 persone decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione. 

Il tasso grezzo di mortalità per Covid-19 (numero di deceduti/popolazione residente) è al momento 303,4 ogni 100 mila residenti. Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (373,0 ogni 100 mila abitanti), seguita da Firenze (355,4 x100.000) e Pistoia (344,5 x100.000), mentre il più basso è a Grosseto (188,2 x100.000). 

Tutti i dati saranno visibili sul sito dell’Agenzia Regionale di Sanità a questo indirizzo: www.ars.toscana.it/covid19 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari