Ferrari 812 Competizione, due modelli V12 dal DNA racing


È stata presentata nel pomeriggio di ieri tramite uno streaming live dalla nuova sede del dipartimento Attività Sportive GT di Ferarri a Fiorano la 812 Competizione, nuova versione speciale in edizione limitata che si basa sulla 812 Superfast. Alla quale si affianca la 812 Competizione A: una spider “Targa”, anch’essa in serie limitata, omaggio alla tradizione delle scoperte Ferrari. Questa coppia di vetture, dedicate ad un ristretto gruppo di collezionisti e puristi della più nobile tradizione Ferrari, punta alle massime prestazioni senza compromessi. Gli innovativi concetti tecnologici applicati a motore, dinamica veicolo ed aerodinamica hanno permesso di raggiungere nuovi limiti prestazionali.

Entrambe le 812 Competizione adottano un V12 derivato dal pluripremiato propulsore della 812 Superfast. Il risultato è un motore aspirato da 830 CV con un’erogazione esaltante ed un sound che i puristi dei dodici cilindri di Maranello ben conoscono. Per aumentare la potenza del motore da 6.500 cc della 812 Superfast e raggiungere un’estensione del campo di giri record (9.500) sono state riprogettate svariate aree del propulsore, è stata ottimizzata la fluidodinamica dei suoi sistemi di aspirazione e combustione e sono stati ridotti gli attriti interni. Per mantenere lo standard acustico del motore cui i possessori di V12 Ferrari sono abituati e, al contempo, introdurre nello scarico il filtro anti-particolato (GPF) che permette di rispettare le più recenti normative anti-inquinamento, i tecnici hanno introdotto un terminale di scarico inedito che ha permesso di recuperare i contenuti in medio-alta frequenza smorzati dal GPF.

Al fine di garantire eccellenza acustica, prestazionale ed estetica, i terminali di scarico sono a vista per sottolineare la loro funzione e la natura racing della vettura senza trascurare l’eleganza propria di ogni Ferrari. 812 Competizione e 812 Competizione A montano un cambio a sette marce e doppia frizione e assicurano feeling di cambiata inediti per un V12. La ricalibrazione delle strategie di controllo ha ridotto del 5% il tempo di cambiata. Il potenziamento delle prestazioni si affianca a un’ulteriore passo avanti in materia di contenimento delle emissioni grazie all’evoluzione del sistema HELE, che abilita lo Start-Stop on-the-move nonché alcune mappature orientate alla riduzione delle emissioni confermando tuttavia, anche ai bassi regimi, il tipico sound del V12 Ferrari. Disattivando tale sistema si attivano invece le mappature orientate alla guida prestazionale, con cambi marcia fulminei e volti alla massima sportività.

L’incremento di potenza erogata e regime massimo della 812 Competizione comporta un aumento della potenza termica, con conseguente aggravio dei requisiti di raffreddamento. La gestione dei flussi è stata resa ancor più efficiente, senza aumentare dimensioni e peso delle masse radianti. Oltre alle numerose soluzioni ideate per bocche laterali, impianto frenante, prese d’aria, griglia anteriore, fondo, diffusore e retrotreno, a focalizzare l’attenzione è il lunotto. Completamente chiuso per la prima volta su una vettura di serie, ha fornito ai tecnici la possibilità di esplorare soluzioni inedite e di dotarlo di tre coppie di elementi profilati che protrudono dalla superficie agendo come generatori di vortici. Sin dalla LaFerrari, tali elementi sono stati utilizzati per massimizzare il carico verticale generato dal fondo piatto; la loro applicazione sulla 812 Competizione è invece funzionale a creare distorsioni nel flusso che ridistribuiscano il campo di pressione del retrotreno.

I generatori di vortici, protetti da brevetto, esaltano quindi il sistema spoiler posteriore-diffusore creando zone di forte gradiente di pressione nel flusso soprastante il lunotto e generando vorticità trasversale. Grazie a tale soluzione, parte del flusso viene deviata verso i lati dello spoiler per una maggiore generazione di carico verticale di cui beneficia anche l’efficacia del diffusore. Tali elementi assicurano il 10% dell’aumento totale di carico posteriore rispetto alla 812 Superfast. Il comfort dei passeggeri in configurazione aperta è garantito dall’introduzione di un deviatore integrato sulla traversa parabrezza che devia verso l’alto il flusso incidente ed energetico, estendendo così la bolla che avvolge l’abitacolo ed evitando fastidiose sovrappressioni nella zona dietro le teste dei passeggeri.

La strategia prestazionale della 812 Competizione ha avuto come linee guida l’incremento assoluto delle prestazioni, il miglioramento del piacere di guida in dinamica laterale e il focus specifico sulle caratteristiche di handling proprie di una versione speciale. Molti sono i componenti e i contenuti innovativi che debuttano sulla 812 Competizione e che hanno permesso di raggiungere i target prestazionali dinamici, in particolare la prima applicazione del sistema a quattro ruote sterzanti indipendenti, l’evoluzione del sistema Side Slip Control (SSC) ora in versione 7.0 e lo sviluppo di un nuovo pneumatico Michelin Cup2R specifico per questa vettura. Particolare attenzione è stata poi rivolta all’alleggerimento della vettura (-38 kg rispetto alla 812 Superfast).

Le principali aree coinvolte da tale attività sono motopropulsore, meccanica e carrozzeria. Negli esterni è stata impiegata estensivamente la fibra di carbonio, in particolare su paraurti anteriore e posteriore, spoiler posteriore e prese aria. Per la prima volta su una Ferrari V12 sono disponibili cerchi interamente in fibra di carbonio che riducono il peso di 3,7 kg rispetto a quelli in lega leggera della 812 Superfast. La 812 Competizione A ha permesso al Centro Stile di sfruttare le modifiche al posteriore per realizzare un’architettura inconfondibile.

Il concetto di flying buttress, caro alla tradizione Ferrari, si armonizza con il tema a freccia dell’anteriore creato dalla lama in fibra di carbonio, che protende in avanti il corpo vettura e le dà una connotazione totalmente diversa rispetto alla 812 Competizione. La 812 Competizione verrà prodotta in 999 esemplari e proposta al prezzo di 499.000 euro, mentre la 812 Competizione A costerà 578.500€ e sarà disponibile in 599 unità. Disponibilità per l’Europa dal 2022: nel primo trimestre per la 812 Competizione e nel Q4 per la 812 Competizione A.

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Motori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *