Evasione fiscale, Briatore assolto in appello: “Finisce calvario dopo 12 anni”


“Nel maggio 2010 la guardia di Finanza mi ha sequestrato la barca e sui media di tutto il mondo usciva la notizia che ero un contrabbandiere e un evasore fiscale. Oggi, dopo 12 anni e 6 processi, si è finalmente accertata la mia innocenza. Un vero calvario che si è fortunatamente concluso”. Così Flavio Briatore commenta con l’Adnkronos la sentenza di assoluzione della corte di appello di Genova che ha messo fine al processo a suo carico per evasione fiscale nel quale , al largo di La Spezia, il 21 maggio 2010, venne sequestrata anche la sua barca Force Blue. “Ringrazio tutti i professionisti che mi hanno seguito in questa storia – conclude Briatore – da Coppi Massimo Pellicciotta a Fabio Lattanzi ed Andrea Parolini”. 

“L’assoluzione di Briatore la potrò commentare dicendo che la giustizia trionfa. Ma mi chiedo se è giustizia un processo che dura 12 anni. Un processo che obbliga una persona innocente a convivere con un incubo. No non è giustizia”, dice il legale di Briatore, l’avvocato Fabio Lattanzi, all’Adnkronos. 

”Sono felicissima dì questa notizia. Ma 12 anni di calvario giudiziario non si cancellano. Sono davvero troppi”. Così Elisabetta Gregoraci, commenta con l’Adnkronos la sentenza di assoluzione. Quel 21 maggio 2010, quando il megayacht fu sequestrato dalle Fiamme Gialle a largo di La Spezia, a bordo c’era anche lei, che all’epoca era ancora sposata con Briatore e suo figlio Nathan Falco: “Sono stati anni difficilissimi”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.