Elezioni 2022, Morgan: ”Più che Meloni a Palazzo Chigi vorrei De Gregori o Fossati”


”Più che Meloni, io a Palazzo Chigi vorrei De Gregori o Fossati!”. A dirlo all’Adnkronos è Marco Castoldi, in arte Morgan. Partendo dalla constatazione che “i cantautori hanno sempre fatto politica, anzi direi che sono gli unici a farne di vera”, Morgan ‘elegge’ e nomina il suo Governo: “Avrei sempre voluto Fabrizio De Andrè o Franco Battiato, Francesco De Gregori e Ivano Fossati alla presidenza del consiglio, e Paolo Conte alle Giustizia, Carmen Consoli alle politiche per il mezzogiorno, Mauro Pagani o Vecchioni alla cultura, Angelo Branduardi all’istruzione, e Jovanotti al turismo, Gianna Nannini alle pari opportunità, e Zucchero agli Esteri, e Francesco Guccini, e Edoardo Bennato, e Renato Zero, e Vasco Rossi eccetera eccetera, persone intelligenti, lucide, coi piedi per terra, esseri culturali e accesi sul mondo, dialoganti, sensibili, autonomi e in ascolto”, sottolinea. I cantautori, rivendica l’ex Bluvertigo, sono gli unici “a sapere realmente dialogare con le persone e a captare i loro bisogni più profondi, perché sono allineati col cuore e perché mantenendosi con la musica non hanno bisogno di attingere alle casse dello Stato. Anche quando non sono andati in Parlamento – prosegue – i cantautori sono sempre stati i rappresentanti democraticamente scelti dal popolo, e i messaggi che lanciano dai palchi sono molto più di comizi, perché sono liberi, sono le chiavi di lettura delle loro opere, le canzoni, che sono la più potente forma di arte in assoluto, sono il più importante nutrimento dell’anima di un essere umano”. 

(di Alisa Toaff) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Spettacolo Ultima ora