Elena Del Pozzo, Lavorino: “Per madre possibile sindrome Medea”


“Siamo di fronte a una ‘follia fredda”. Lo afferma all’Adnkronos il criminologo Carmelo Lavorino, dando una possibile lettura del caso della mamma accusata di aver ucciso la figlioletta Elena di 5 anni, a Catania, e parlando di “disturbi mentali, una forma di depressione. Ha agito in modo crudele per vendicarsi del marito, possiamo anche parlare di una ‘sindrome di Medea’, una persona che uccide la prole per vendetta verso il marito”.  

“Sapeva che la bambina era profondamente amata e non voleva, a livello inconscio, che frequentasse” colei che riteneva “la sua ‘concorrente usurpatrice’ del posto che aveva lei”, osserva Lavorino secondo il quale problemi “psichici e psichiatrici” sono “da individuare con una perizia specifica. Serve una visita psichiatrica”. 

Secondo Lavorino il fatto che i colpi inferti siano diversi può indicare un “momento di rabbia nei confronti del marito, sfogata sulla figlia”. Il criminologo sottolinea che la donna si è poi “comportata in maniera puerile, ha lasciato tracce, si è inventata un rapimento a cui nessuno ha creduto: ciò indica una personalità fanciullesca”. E’ possibile, secondo il criminologo, che la donna si sentisse “abbandonata, sfiduciata in se stessa, nel mondo e nel futuro”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Ultima ora