Entra in contatto con noi

Economia

Dazn, ascolti, Auditel: Adnkronos aveva anticipato i numeri che hanno fatto intervenire AgCom

Pubblicato

il

“Per soddisfare i principi di trasparenza e correttezza metodologica a garanzia dei soggetti che operano sul mercato, tenuto conto del quadro normativo di riferimento come sopra descritto, per la stagione sportiva 2021/2022 della Lega calcio Serie A il dato di ascolto degli eventi diffusi da Dazncui fare riferimento ai fini del riparto delle risorse di cui all’art. 26 del decreto legislativo n. 9/2008 è il dato rilasciato dalla società Auditel”. 

Il punto 1 della delibera Agcom dello scorso 20 gennaio (a pag 58), sul tema Dazn e in particolare sulla misurazione degli ascolti, segna un passaggio fondamentale in un iter che Adnkronos ha seguito negli ultimi mesi
, evidenziando già a settembre che il processo per calcolare gli ascolti non sia stato sottoposto ad alcun processo di deduplicazione, ovvero non si sia stato sottratto dal totale il numero degli spettatori che hanno assistito a più di una partita.  

Adnkronos aveva trattato il tema all’inizio del campionato 2020-2021. Dai dati in possesso di Adnkronos, Dazn ha calcolato i dati di audience che ha comunicato sommando gli spettatori medi nel minuto che ha raggiunto in tutte le partite singole della prima e della seconda giornata. E sembra che questa operazione non sia stata sottoposta ad alcun processo di deduplicazione, ovvero non si è provveduto a sottrarre il numero degli spettatori che hanno visto più di una partita. Come è noto, sia la prima che la seconda giornata del campionato di Serie A si sono svolte su 3 giorni diversi di calendario e magari chi ha visto Inter-Genoa il 21 agosto potrebbe essere stato anche spettatore di Udinese-Juventus il giorno successivo e di Sampdoria-Milan il giorno dopo ancora. 

Con il risultato numerico presentato, appare che il singolo spettatore affezionato che ha visto i 3 incontri nelle 3 giornate sia stato considerato e calcolato come 3 spettatori distinti. Tutto questo avrebbe portato a una notevole sovrastima del risultato di audience raggiunto. E ancora, molte partite erano in contemporanea, quindi qualche spettatore potrebbe averne visualizzata una sul televisore e seguita un’altra in tutto o in parte con lo smartphone (fenomeno second screen): anche in questo caso serve un filtro per evitare di contare due volte lo stesso spettatore. 

Per verificare questa lettura, Adnkronos ha elaborato i dati Auditel del perimetro solo televisivo relativo alla seconda giornata del campionato di Serie A in modo da poter fare il confronto più omogeneo possibile. Auditel misura in termini di individui solo l’audience televisiva mentre (come la maggior parte dei JIC – Joint Industry Committee, organismo a controllo incrociato che riunisce tutte le componenti del settore misurato) ancora calcola il numero di device connessi e i tempi di visualizzazione per i consumi digitali proprio a causa della complessità tecnica delle operazioni di deduplica tra l’audience televisiva e quella digitale. 

Dazn ha invece annunciato di misurare la Total Audience, integrando la fruizione televisiva con quella digitale (smartphone, tablet, computer, console). Da un punto di vista televisivo la seconda giornata 2020, in base ai dati Auditel, aveva registrato un AMR di oltre 834.000 spettatori nel minuto medio calcolato su tutte le partite del secondo turno e considerando i canali Sky più Dazn sul menù Sky. Nel 2021, la seconda giornata di campionato si è invece fermata a poco più di 559.000, con un perdita del 33% anno su anno. 

Entrando più nel dettaglio e andando a guardare singole partite, per esempio Juventus-Empoli del 28 agosto (ma sarebbe possibile eseguire analoga analisi per altri match), il dato di spettatori nel minuto medio secondo Dazn – e quindi spettatori televisivi e da device digitale – è stato di poco oltre un milione mentre per quanto riguarda Auditel questo dato si è fermato a 444.055. Poiché, come detto, Auditel misura soltanto l’audience televisiva in termini di individui, per differenza si è arrivati a individuare 639.678 spettatori che dovrebbero essere l’incremento di spettatori soltanto digital (smart tv, tablet, smartphone, console di gioco e via computer su Dazn Channel). In questo modo, Dazn avrebbe portato un incremento di spettatori del 144% dal fronte digital rispetto al fronte televisivo. Per la prima volta gli spettatori italiani sarebbero stati di più su strumenti digitali che davanti alle tv. E questa prima volta sarebbe accaduta per 9 su 10 partite della seconda giornata, con anche incrementi capaci di superare il 280%. Numeri che, evidentemente, sono finiti sotto la lente dell’AgCom. 

Dazn: “Spettatori che hanno visto più partite contati più volte”
 

Dazn, AgCom: “Dati devono essere misurati da soggetto indipendente”
 

Dazn, presidente AgCom: “Istruttoria su misurazione ascolti”
 

Dazn, Agcom su problemi Serie A: “Possibili interventi urgenti”
 

Dazn, gol e ascolti: la Rete si gonfia (un po’ troppo)
 

Agcom, rivoluzione nel settore della misurazione delle audience
 

 

 

 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Continua a leggere

Economia

Spazio, al via a Roma la mostra di Asi ‘Exploring moon to mars’

Pubblicato

il

(Adnkronos) – E’ una grande struttura geodetica ad ospitare, fino al 16 dicembre in piazza San Silvestro, nel centro di Roma, la mostra Exploring Moon to Mars, promossa dall’Agenzia Spaziale Italiana (Asi) con il patrocinio di Roma Capitale, in collaborazione con l’Agenzia Spaziale Europea (Esa), l’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e il supporto di Leonardo e Thales Alenia Space Italia. La mostra narrerà al grande pubblico la storia dell’esplorazione del pianeta Marte e la sua futura colonizzazione partendo dalla Luna, con una particolare attenzione all’importante contributo italiano a questa avventura. 

Il percorso espositivo, attraverso testi rari, video e immagini di grande suggestione, ha inizio con i miti legati a questi corpi celesti, che hanno sempre ispirato l’immaginario collettivo dell’Uomo, passando per le prime osservazioni astronomiche di Galileo Galilei e Giovanni Schiaparelli e la grande produzione di musica e letteratura ispirate dalla fantascienza. 

Il cuore dell’esposizione è dedicato allo stato della conoscenza che oggi abbiamo del nostro satellite naturale e del pianeta rosso, attraverso i dati e le immagini che la più avanzata tecnologia spaziale ha permesso di acquisire: da quelle storiche delle sonde Luna e Viking, fino alle missioni Apollo, ai rover Curiosity e Perseverance e all’attuale programma Artemis. 

La mostra evidenzia il rinnovato interesse nel terzo millennio per l’esplorazione spaziale umana, con uno sguardo ai principali programmi delle agenzie spaziali, quella italiana in particolare, e dell’imprenditoria privata, focalizzati sul ritorno sulla Luna e sul grande salto verso Marte e la sua colonizzazione. L’esposizione, a cura di Viviana Panaccia, sarà visitabile gratuitamente tutti i giorni dalle ore 10.00 alle ore 19.00, con ultimo ingresso alle ore 18.00. 

Continua a leggere

Economia

Lavoro, a Università Pavia 7Pixel in cattedra per formazione su innovazioni

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Due ore di lezione frontale seguite da due ore di esercitazione in laboratorio: è stato questo l’obiettivo del seminario “Testing come noi” che si è tenuto questa mattina alla Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Pavia con gli studenti del primo anno magistrale di Ingegneria Biomedica. Cosa sono i test automatici, come scriverli in linguaggio Java e come aiutano a domare la complessità del codice sono i temi su cui verteva il seminario condotto da Brando Preda – Product Manager – e Mauro Giachero – Senior Software Developer – con la collaborazione della professoressa Cristiana Larizza e il ricercatore Enea Parimbelli dell’Università degli Studi di Pavia. 

Gli esperti di 7Pixel hanno raccontato la loro esperienza nello sviluppo di codice supportato dalla presenza di test automatici. Un argomento di solito poco trattato in ambito universitario, tuttavia molto importante nel lavoro quotidiano in azienda. Spesso, infatti, gli studenti non hanno idea di cosa significhi lavorare su migliaia di righe di codice e quanto li possa aiutare uno strumento che dia costante feedback sulla correttezza dello stesso.  

“Sviluppiamo con passione i nostri prodotti adottando le tecnologie e le metodologie più innovative. Per farlo – ha spiegato Dario Rigamonti, Direttore Generale 7Pixel- puntiamo a formare i giovani universitari secondo i nostri standard. Stringere legami con l’Università di Pavia è per noi motivo di grande soddisfazione, l’ambizione di 7Pixel è infatti quella di essere l’employer tecnologico di riferimento nel contesto pavese, capace di attrarre talentuosi laureati”.  

La sfida del mercato è stata colta dai manager di 7Pixel che, da sempre, puntano sulla formazione accademica consapevoli che il ponte tra università e lavoro è un’occasione strategica reciproca. I seminari promossi con diverse università del territorio consentono all’azienda di formare i potenziali professionisti da assumere e ai laureandi di scoprire che a pochi chilometri da Pavia esiste una realtà affermata a livello nazionale che costituisce un’eccellenza del settore. Negli anni, infatti, grazie alle varie attività organizzate in collaborazione con alcuni atenei lombardi, sono stati numerosi gli studenti che hanno trovato in 7Pixel il primo sbocco professionale. Tra i tanti figurano proprio Brando Preda e Mauro Giachero, in aula oggi. 

Enea Parimbelli, ricercatore all’Università degli Studi di Pavia, ha rilevato che “i seminari di 7Pixel sono un’importante occasione per gli studenti di trovare riscontro dell’applicazione delle competenze che stanno acquisendo nel corso di studi. Un ponte che rende più concreta l’esperienza universitaria di apprendimento, aprendo una finestra verso il mondo del lavoro rappresentato da un’impresa di eccellenza vicina all’ateneo pavese. Al contempo, il corso si arricchisce di argomenti avanzati – come il Test-Driven-Design e le metodologie Agili – e di un approccio alla didattica differente da quello dei docenti titolari del corso. La collaborazione tra l’Università di Pavia e 7Pixel è consolidata e gli studenti ne sono sempre entusiasti”. 

Continua a leggere

Economia

Manovra 2023, Bonomi incontra Conte ma confida su ‘motto’ Meloni per cambiarla

Pubblicato

il

(Adnkronos) –
Navigazione difficile per Confindustria alla ricerca di aggiustamenti significativi alla manovra di bilancio 2023. E se oggi il leader di viale dell’Astronomia ha incontrato il presidente M5S (“Abbiamo concordato sulla mancanza di visione della legge”, spiegherà Conte al termine), Bonomi continua comunque a confidare nel ‘motto’ con cui il premier Meloni ha voluto improntare la legge di bilancio : “Non disturbare chi vuole fare. Chi fa impresa va sostenuto e agevolato, non vessato”.  

“Con quelle parole Meloni dà un segnale sulla volontà del governo di ascoltare le categorie produttive e fare quegli interventi necessari affinché le aziende possano scaricare a terra la loro capacità di impresa. Credo dunque che il premier voglia favorire le imprese che hanno dimostrato in questi anni capacità importanti”, spiega ai giornalisti alla stampa estera chiarendo come “Confindustria valuta solo il merito dei provvedimenti mai i partiti perché noi tifiamo solo per il nostro paese: per l’Italia. I governi li scelgono gli italiani”. 

“Bene” perciò la “barra dritta sulla finanza pubblica” del governo “ma servono interventi finalizzati alla crescita perché senza crescita non ci sono risorse per fronteggiare l’emergenza”, aggiunge. Un percorso con il governo dunque “appena iniziato” al termine del quale Bonomi sembra certo “possa esserci un ripensamento nell’interesse del Paese”. A cominciare dalla mancata proroga del credito di imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, il cosiddetto bonus Sud: “non posso non credere non venga fatto un ragionamento diverso”, commenta. Ma la lista delle modifiche sollecitate da Confindustria è lunga, a cominciare da un più sostanzioso taglio del cuneo fiscale su cui al momento non sembrano arrivare segnali di apertura dall’esecutivo.  

“Serve un intervento forte sul cuneo fiscale : due terzi ai dipendenti e 1 terzo alle imprese, il contrario di quanto previsto ora, per mettere in tasca ai lavoratori 1.200 euro in più in busta paga, strutturalmente per tutta la loro vita lavorativa”, ribadisce Bonomi che guarda criticamente alla Flat tax e alle norme sui prepensionamenti, da Opzione donna a quota 103: “flat tax e prepensionamenti non creano Pil aggiuntivo né posti di lavoro per i giovani”, taglia corto. E torna anche sul Reddito di cittadinanza su cui il governo Meloni ha una posizione ferma: “chiamiamolo come si vuole ma uno strumento contro la povertà ci vuole”, ha ripetuto per poi rilanciare sulla necessità di mettere mano ad una riforma fiscale a tutto tondo.
 

“Fino ad oggi il tema fiscale è sempre stato interpretato come un tema legato al gettito e tutti gli interventi sono stati finalizzati a creare più gettito. Noi invece vogliamo una riforma organica perché fare interventi solo su determinate categoria o argomenti non funziona. O ripensiamo totalmente il fisco o non andiamo avanti”, ha ripetuto. E poi ancora : la lotta alla burocrazia italiana, a cui è appeso il destino del rigassificatore di Piombino: “se non entra in funzione entro il 31 marzo potremmo avere qualche difficoltà ma è prevista una conferenza di servizi con 44 enti locali…e sappiamo cosa questo voglia dire”, ammonisce prima di commentare il progetto del governo sul Ponte sullo stretto di Messina.
 

“Il ponte sullo stretto non è un problema tecnico: lo hanno realizzato anche altri paesi in condizioni molto più difficili delle nostre, se guardiamo al Nord Europa. Ed è una opera infrastrutturale importante ma deve stare all’interno di un progetto complessivo. Se si realizza il ponte e poi non si prosegue la realizzazione di altre opere infrastrutturali, il progetto non funziona”, dice ancora. E’ tempo dunque di lasciare da parte le polemiche estemporanee, come quelle sul tetto all’utilizzo del Pos, “sono colpito del fatto che da 3 giorni non si parli che di Pos”; meglio “concentrarci su questioni più importanti”, conclude. (di Alessandra Testorio) 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari