Entra in contatto con noi

Ultima ora

Cuneo fiscale, quanto aumentano gli stipendi nel 2023

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Con la legge di Bilancio approvata dal governo Meloni, cresce nel 2023 il taglio del cuneo fiscale. Per i redditi tra 20mila a 35mila euro, in realtà, gli stipendi non cambieranno e lo sgravio contributivo del 2% introdotto dal governo Draghi viene confermato, senza novità in busta paga per questi lavoratori dipendenti.  

Diverso il discorso per chi guadagna fino a 20mila euro: in questo caso il taglio del cuneo fiscale sale dal 2% al 3% per il 2023 e, di conseguenza, gli stipendi per questi lavoratori saranno leggermente più alti con il nuovo anno. Ma di quanto aumenteranno le buste paga con le novità introdotte dalla manovra? Money.it ha fatto i calcoli per capire quali saranno le variazioni di salario col nuovo anno.  

Per chi guadagna mille euro lordi al mese (quindi 13mila annui, considerando anche la tredicesima), l’ulteriore taglio dei contributi dell’1% porta a versare non più 71,90 euro al mese ma 61,90. Il che vuol dire che gli stipendi aumenteranno di 10 euro al mese. 

Per uno stipendio di 1.300 euro al mese (16.900 euro annui) i contributi scendono da 93,47 a 80,47 euro al mese, per un aumento in busta paga di 13 euro. Su uno stipendio di 1.500 euro (quindi vicino alla soglia massima, con 19.500 euro annui) si passa da 107,85 euro di contributi a 92,85, per un aumento in busta paga di 15 euro mensili. 

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Continua a leggere

Ultima ora

Mo, aerei israeliani su Gaza dopo lancio razzi Hamas

Pubblicato

il

(Adnkronos) – L’aviazione di Israele ha colpito nelle prime ore di oggi diversi obiettivi nella Striscia di Gaza, dopo che un razzo era stato lanciato poche ore prima nella zona di confine israeliana. Secondo quanto riferito dall’esercito israeliano, sono stati colpiti un “principale sito di produzione di razzi” gestito dall’organizzazione palestinese Hamas, che governa la Striscia di Gaza, e un tunnel di Hamas nella parte meridionale della fascia costiera sono stati colpiti. 

L’esercito israeliano ha affermato che le difese missilistiche non sono state attivate e non ci sono state segnalazioni di vittime o danni alla proprietà. Inizialmente non era chiaro chi fosse il responsabile dell’attacco. L’ultima volta diversi razzi erano stati lanciati contro Israele dalla Striscia di Gaza all’inizio di novembre. Giovedì notte, due membri dell’organizzazione militante palestinese Jihad islamica sono stati uccisi in un’operazione militare israeliana in Cisgiordania. La Jihad islamica è particolarmente attiva nella Striscia di Gaza e spesso effettua attacchi missilistici da lì.  

La situazione nella Cisgiordania occupata è tesa da mesi. A seguito di una serie di attacchi contro gli israeliani iniziati a marzo, l’esercito ha effettuato ulteriori raid lì. Secondo il ministero della Sanità palestinese, quest’anno sono stati uccisi 159 palestinesi in relazione a operazioni militari, scontri o attacchi propri. Quest’anno, in Israele e in Cisgiordania, 31 civili e forze di sicurezza sono stati uccisi in attacchi. 

Continua a leggere

Ultima ora

Pelé ricoverato: “Sono forte, state tranquilli”

Pubblicato

il

(Adnkronos) – “Amici miei, voglio che stiate tranquilli e ottimisti. Sono forte, con tanta speranza e continuo il trattamento come al solito”. Lo scrive Pelé su Instagram, ai milioni di tifosi e appassionati di calcio che sono in apprensione per le sue condizioni di salute.  

“Voglio ringraziare tutti l’intera equipe medica e il team di infermieri per tutta la cura che ho ricevuto. Ho molta fede in Dio e ogni messaggi e ogni messaggio di amore che ricevo da voi, e che provengono da tutto il mondo, mi mantengono pieno di energia. E mi fanno assistere alle partite del Brasile ai Mondiali!”.  

Continua a leggere

Ultima ora

Messi come Gesù? Nuovo show di Adani per Argentina-Australia

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Leo Messi ‘divino’. Daniele Adani, al commento con Stefano Bizzotto per Argentina-Australia, si infiamma di nuovo per le prodezze della Pulce nella sfida vinta dalla seleccion per 2-1 negli ottavi di finale dei Mondiali di Qatar 2022. Adani sin qui ha sottolineato con enfasi e trasporto le prestazioni del fuoriclasse del Psg, finendo anche nel mirino della critica per i toni usati nel commento. Nella sfida tra Argentina e Australia, Adani ‘flirta’ con la religione. Quando Messi – alla 1000esima gara da professionista – firma la rete dell’1-0 con un delizioso sinistro, Adani sale in cattedra: “Eccolo qui, eccolo qui. 1000 e 1 mas, 1000 e 1 mas, trasforma l’acqua in vino da quella posizione”, dice Adani tratteggiando le caratteristiche di un Messi versione Gesù. “L’abbiamo detto: mai lasciare libero Messi da quella posizione. Fantastico, il giocatore migliore del mondo. il calcio migliore che potete vedere sul pianeta Terra, eccolo qui: Lionel Messi”, dice il commentatore. Nel finale di partita, Messi inventa una serpentina spettacolare e viene fermato in extremis nell’area australiana. Per Adani, ce n’è abbastanza per entusiasmare Diego Armando Maradona, che in cielo “siede alla sinistra del Barba”. 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari