Covid oggi Roma, “festa tifosi giallorossi da irresponsabili”


Eventi come il raduno di migliaia tifosi della Roma per festeggiare i 94 anni del club, un assembramento nel centro storico con tanti senza mascherina, “sono atti di irresponsabilità” e c’è “il rischio che così torniamo indietro”. E’ il commento del direttore dell’Inmi Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, a quanto accaduto nella Capitale ieri sera. Un episodio che ha suscitato polemiche, e già si parla di ‘variante giallorossa’ dopo la ‘variante Azzurri’ per i festeggiamenti seguiti alla vittoria dell’Italia agli Europei di calcio.  

“Possiamo consentirci tutto, anche i festeggiamenti della nostra squadra del cuore. Ma devono avvenire in assoluta sicurezza ossia con vaccinazione completa o, in carenza di essa, tampone negativo nelle 24-48 ore”, precisa Vaia, ricordando che “sono stati creati dei protocolli per i grandi eventi che prevedono il rispetto di alcune misure: essere negativi con vaccinazione completa o, in mancanza di questa, con tampone negativo nelle 24-48 ore”. 

Anche secondo Massimo Ciccozzi, direttore dell’Unità di Statistica medica ed epidemiologia dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, “è mancato il buon senso perché si può festeggiare ma se si è in tanti, anche all’aperto, va indossata la mascherina e rispettato il distanziamento”.  

“Il coronavirus è un virus respiratorio e ci si infetta anche solo parlando con un persona ad una distanza ravvicinata – ricorda Ciccozzi, anch’egli tifoso romanista – se manca la distanza e la mascherina si corrono molti rischi. Non vanno vietati i festeggiamenti dei tifosi ma occorre che si facciano in sicurezza e ieri è mancata”.
 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *