Covid oggi Italia, cala occupazione terapie intensive


Continua, costante, il calo dell’occupazione media a livello nazionale dei posti letto Covid in Italia nelle terapie intensive degli ospedali che nelle 24 ore – secondo gli ultimi dati dell’Agenzia per i servizi sanitari (Agenas), aggiornati a ieri sera – scende di un punto percentuale, attestandosi al 12%, dopo essere stata stabile per due giorni al 13%.  

Nel dettaglio, i dati sulle 24 ore indicano un calo dell’occupazione delle rianimazioni in 10 regioni e province autonome. In particolare, scendono di 2 punti percentuali Toscana (che si attesta al 14%) e Umbria (al 7%); in calo di 3 punti la Basilicata (al 6%), mentre la percentuale si riduce di 1 punto in: Abruzzo (al 13%); Liguria (12%); Lombardia (9%); Marche (17%); provincia autonoma di Bolzano (7%), Piemonte (13%) e Puglia (12%).  

In aumento invece il Molise che, con ben 5 punti percentuali in più, raggiunge il 15%; la Calabria con un aumento di 3 punti (15%), e il Friuli Venezia Giulia che risale di 1 punto (al 19%). Le altre regioni non registrano variazioni nelle 24 ore.  

Ad oggi le regioni con l’occupazione più alta di pazienti Covid nelle rianimazioni sono il Friuli Venezia Giulia e il Lazio, entrambe al 19%, mentre la Basilicata con il 6% è quella con la percentuale più bassa. 

L’occupazione media a livello nazionale dei posti letto Covid nei reparti ordinari di area medica è inoltre stabile da 2 giorni al 25%, mentre a livello locale si registra, nelle 24 ore, un incremento in 7 regioni/province autonome, un calo in 5 regioni e una situazione di stabilità nelle altre.  

Le aree in cui si registra un incremento di 2 punti percentuali sono la Basilicata (che raggiunge il 27%) e la provincia autonoma di Bolzano (23%), mentre l’occupazione aumenta di 1 punto in: Campania (28%); Friuli Venezia Giulia (31%); Molise (24%); Provincia autonoma di Trento (25%), e Umbria (30%). In calo, invece, di 2 punti percentuali la Liguria (31%) e la Lombardia (18), mentre scendo di 1 punto l’occupazione dei posti letto in Calabria (31%), Puglia (25%) e Toscana (22%). Le altre regioni non registrano variazioni nelle 24 ore.  

Al momento la percentuale più alta in Italia di ricoverati Covid nei reparti di area medica è quella dell’Abruzzo, al 36%, mentre la più bassa è quella del Veneto al 17%. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Coronavirus Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.