Covid, nei giovani variante delta simile a brutto raffreddore: studio Gb


Mal di testa, tosse e naso che cola. Si presenta così la variante delta (indiana), che sta mettendo a rischio l’uscita del Regno Unito dall’emergenza pandemica. “I sintomi nei giovani sono più simili a un brutto raffreddore”, afferma Tim Spector, esperto del Zoe Covid Symptom, la piattaforma no-profit lanciata nel 2020 insieme all’applicazione per il supporto alla ricerca sul Covid. Secondo Spector, i classici sintomi dell’infezione da Sars-CoV-2, la febbre e la perdita dell’olfatto e del gusto, “sembrano meno diffusi”. L’analisi dell’esperto è stata effettuata sulle migliaia di persone che sono registrate sull”app’ Zoe. “Dall’inizio di maggio abbiamo analizzato i sintomi più diffusi tra chi è stato contagiato dalla variante delta e non sono uguali a quelli di prima”, osserva. “La febbre rimane abbastanza comune, ma la perdita dell’olfatto non compare più tra i primi 10 sintomi”, precisa Spector. 

“La variante delta funziona in modo leggermente diverso” e questo può creare dei problemi. “Le persone – avverte Spector – potrebbero pensare di avere un raffreddore e continuare una vita normale diffondendo il virus. E riteniamo che questo nuovo aspetto stia alimentando il problema”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Esteri Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *