Covid, Maggino (Accademia Mariana): ‘E’ una sindemia, ha colpito alcuni più di altri’


“Il Covid ci fa ci fa capire che non è stata un’epidemia, ma una sindemia: non ha colpito tutti nello stesso modo, ma ha intrecciato delle fragilità del Paese colpendo alcuni gruppi sociali, alcune aree più di altre. Comprendere i fattori che ci hanno portato a questa emergenza consentirà di capire come ripartire. Non aver messo al centro delle decisioni politiche degli ultimi 10-20 anni il benessere dei cittadini ha portato il Paese ad avere quelle fragilità che l’epidemia ha messo in luce”. Con queste parole Filomena Maggino, docente di Statistica sociale alla Pontificia Accademia Mariana Internationalis, ha aperto il suo intervento durante il workshop di presentazione del nuovo board delle associazioni di pazienti di Alleati per Salute, portale dedicato all’informazione medico-scientifica realizzato da Novartis.  

Sul come ripartire, dopo la pandemia, Maggino non ha dubbi: “La questione della ripartenza riguarda tutti – spiega – ma soprattutto coloro che non hanno saltato test di screening, visite e cure. Per ripartire dobbiamo avere uno sguardo sistemico e capire che la stella polare su cui dirigerci è il benessere condiviso da tutti, per questo deve essere monitorato nell’entità di territorio, gruppi sociali (genere e generazione) e promosso in maniera sostenibile. Il fatto che un Paese fragile ha affrontato male un’epidemia ci deve far capire che la fragilità è non pensare al benessere dei cittadini. Dobbiamo avere il timone su questa stella polare per innescare progettualità e azioni verso questo obiettivo. I percorsi non saranno sempre facili – precisa – ma se non abbiamo una visone sistemica della nostra realtà e di un momento di ripartenza, sarà molto difficile raggiungere l’obiettivo di un benessere condiviso”.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Salute e Benessere Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *