Covid, Gimbe: “Rallenta aumento contagi ma più ricoveri e intensive”


Rallenta la crescita dei nuovi casi Covid in Italia (+20%), ma aumentano i ricoveri e le terapie intensive. Sono alcuni dei dati che emergono dal monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe relativo alla settimana 28 luglio-3 agosto 2021. Rispetto ai 7 giorni precedenti, si osserva un incremento dei contagi registrati (38.328 contro 31.963, il 19,9% in più) e una sostanziale stabilità dei decessi: 120 negli ultimi 7 giorni (di cui 12 relativi a periodi pregressi) contro i 111 della settimana precedente (+8,1%), con una media di 17 al giorno rispetto ai 16 della settimana precedente. 

In aumento i casi attualmente positivi (94.216 contro 70.310) e le persone in isolamento domiciliare (91.762 contro 68.510). Ma in particolare Gimbe segnala come continuino a salire i pazienti ricoverati in area medica (da 1.611 a 2.196, +36,3%) e nelle Terapie intensive (+36,5%, da 189 a 258), pur rimanendo “bassi i numeri assoluti”, puntualizza il report.  

I nuovi casi settimanali, dichiara Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, “continuano a salire, seppur a un ritmo meno sostenuto rispetto alla settimana precedente, ma rimangono indubbiamente sottostimati dall’insufficiente attività di testing e dalla mancata ripresa del tracciamento dei contatti”. Infatti, il rapporto positivi/persone testate, dopo l’impennata dall’1,8% al 9,1% in 4 settimane, negli ultimi 7 giorni ha segnato una crescita più contenuta salendo al 10,7% e la media mobile dei nuovi casi si sta progressivamente appiattendo, evidenzia il report. 

Nella settimana 28 luglio-3 agosto, rispetto alla precedente, in tutte le Regioni ad eccezione della Provincia Autonoma di Trento e del Lazio (Regione dove l’attacco hacker ha rallentato l’aggiornamento dei dati) si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi. In 62 province l’incidenza è pari o superiore a 50 casi per 100.000 abitanti e in Emilia-Romagna, Toscana, Umbria e Veneto tutte le Province raggiungono o superano tale soglia. In quattro province si registrano oltre 150 casi per 100.000 abitanti: Cagliari (303), Ragusa (236), Caltanissetta (197) e Lucca (172). 

“Dopo i primi segnali di risalita – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui servizi sanitari della Fondazione Gimbe – si conferma un netto incremento percentuale dei ricoveri: +36,3% in area medica e +36,5% in terapia intensiva”. In termini assoluti, il numero di posti letto occupati da parte di pazienti Covid in area medica è passato dal minimo di 1.088 del 16 luglio ai 2.196 del 3 agosto e quello delle terapie intensive dal minimo di 151 del 14 luglio ai 258 del 3 agosto, ma al momento le percentuali di occupazione a livello nazionale rimangono molto basse: 4% in area medica e 3% nelle terapie intensive. 

Tuttavia, si osserva una notevole eterogeneità regionale, segnala il report Gimbe: per l’area medica si collocano sopra la media nazionale Sicilia (11%), Calabria (9%), Campania (6%), Basilicata (6%), Lazio (6%) e Sardegna (5%); per l’area critica risultano sopra la media nazionale Sardegna (10%), Liguria (6%), Lazio (5%), Sicilia (4%) e Toscana (4%). “Aumentano gli ingressi giornalieri in terapia intensiva – spiega Marco Mosti, Direttore operativo della Fondazione Gimbe – con una media mobile a 7 giorni di 21 ingressi/die rispetto ai 14 della settimana precedente”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *