Covid, Bassetti: “In positivi vaccinati va trattato come influenza”


La patologia Covid “nei soggetti vaccinati deve essere trattata come un’influenza. Lo stiamo vedendo nei reparti, chi ha fatto il ciclo completo di vaccinazione ha una forma influenzale più o meno lunga o più o meno breve”. Così all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive all’ospedale San Martino di Genova. “Evitiamo dunque questa moltitudine di tamponi, una logica solo italiana e cambiamo approccio. Siamo vicini al picco dei casi, forse in alcune Regioni è stato già raggiunto e speriamo che nelle prossime settimane si possa ridurre in maniera significativa il carico. Sono due giorni che i ricoveri in terapia intensiva scendono, -8 due giorni fa e ieri -1”.  

E “lo ripeto da un bel po’ di tempo: chi è in ospedale ed è asintomatico per la patologia respiratoria da Covid, ma ha un tampone positivo senza però aver un nessun sintomo compatibile dovrebbe considerato alla pari di tutti gli altri malati. Deve essere isolato, chiaramente, ma non può essere considerato come patologia Covid e messo nel bollettino quotidiano”, commentando la possibilità che si arrivi a una modifica del conteggio dei casi asintomatici in ospedale, richiesta fatta dalle Regioni al ministero della Salute. 

“Ci vuole maggiore dinamicità da parte del ministero della Salute e del Cts nel recepire i messaggi che arrivano da chi sta sul campo – aggiunge Bassetti – C’è una distanza tra chi è nelle sale burocratiche romane e chi è sul campo a gestire i malati. Diciamo quello che vediamo nei nostri ospedale: mettere i sintomatici e gli asintomatici tutti insieme è sbagliato. Contare per i criteri di colorazione delle regioni solo chi ha segni e sintomi da Covid”, è il parere dell’infettivologo. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Coronavirus Salute e Benessere Ultima ora