Covid, a Firenze attivo l’hub vaccinazione di Aspi alla ‘Chiesa dell’Autostrada’


Parte da Firenze il piano di vaccinazione anti Covid 19 di Autostrade per l’Italia, destinato a 200 persone al giorno tra cittadini e dipendenti, familiari e fornitori della concessionaria autostradale. L’hub vaccinale, posizionato nel piazzale della “Chiesa dell’Autostrada” a Firenze Nord, è operativo dal 10 giugno. I cittadini per accedere alla somministrazione potranno prenotarsi attraverso il portale della Regione Toscana mentre i dipendenti, i loro familiari e i fornitori del gruppo Aspi seguiranno una procedura di accreditamento interno all’azienda. 

“Noi abbiamo sostenuto le spese per poter allestire questi spazi – ha detto Matteo Marvogli, direttore 4° Tronco di Autostrade Per l’Italia – abbiamo dato supporto alla logistica, abbiamo utilizzato le nostre imprese, le nostre maestranze, insomma abbiamo cercato di creare tutti gli standard vaccinali, sempre in collaborazione con Asl e Regione Toscana. E’ un’iniziativa che riteniamo valida sia per i nostri dipendenti ma soprattutto per fornire un supporto alla popolazione”. 

Nelle tensostrutture allestite nel piazzale della Chiesa di Michelucci sono presenti spazi per l’accettazione
, per effettuare l’anamnesi, 2 unità mobili dove verrà inoculato il farmaco, un’area di osservazione post vaccinazione, oltre a un presidio medico sanitario dedicato alla gestione di eventuali emergenze. Le vaccinazioni vengono effettuate dal lunedì al sabato con orario continuativo, dalle 9:00 alle 17:30, fino a esaurimento delle dosi messe a disposizione. Trattandosi di vaccino Pfizer, sarà possibile riprendere con le attività nel mese di luglio, per garantire nelle stesse modalità l’inoculazione delle seconde dosi. Nel centro lavorano 5 medici, 4 operatori sanitari, e 5 addetti alla logistica e all’amministrazione oltre ai Medici di Aspi. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *