Clima, all’Accademia dei Lincei la XXXVII Giornata dell’Ambiente


Al via all’Accademia dei Lincei la XXXVII Giornata dell’Ambiente che si snoda domani in via della Lungara con il convegno ‘Popolazione e Ambiente’ il cui comitato coordinatore è guidato da Bruno Carli, Guido Forni, Massimo Livi Bacci e Roberto Zelli. “Nel 2100 – sottolinea l’Accademia dei Lincei – “la popolazione del mondo potrebbe contare tre miliardi e mezzo di persone in più rispetto ad oggi, un aumento pari a quello verificatosi negli ultimi quarant’anni”.  

“C’è dunque un rallentamento della crescita, che pure rimane notevole, con un potenziale alto impatto sull’ambiente” e per questo, sottolineano dai Lincei, “il convegno si propone di esplorare alcuni aspetti delle relazioni tra crescita demografica e equilibri ambientali, individuando le maggiori criticità e discutendo le possibili linee di intervento per moderare gli effetti negativi della crescita”. 

Il calendario dei lavori a Palazzo Corsini, dopo il saluto della Presidenza dell’Accademia dei Lincei e con Giovanni Seminara – Linceo dell’Università di Genova – si apre con la relazione di Gustavo De Santis dell’Università di Firenze e dal tema “La popolazione del Mondo da oggi alla fine del secolo: il probabile e l’incerto”. Quindi interviene Telmo Pievani dell’Università di Padova con la sua relazione “L’impatto umano e l’ambiente: breve storia di un milione di anni”, a cui segue l’intervento di Giorgio Federici dell’Università di Firenze “Popolazione e acqua: abbondanza e scarsità”. I lavori proseguono con Paolo Vinesi dell’mperial College di Londra che espone la relazione su “Cambiamento climatico, salute e malattie”. Infine interviene Massimo Livi Bacci – Linceo dell’Università di Firenze, che apre un focus su “L’antropizzazione del pianeta e la crescita demografic”.  

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Economia Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *