Cingolani: ‘Cop26 è stata complicata, più ambizione ma questo ha un prezzo’


“La Cop26? E’ stato complicato, il livello di aspettativa era elevato” ma “il vero grande risultato è stato di convincere tutti, anche indiani e cinesi, e con loro russi, turchi ed Emirati Arabi, ad accettare una grande scommessa: che rispetto alla Cop di Parigi ci impegniamo a tenere il riscaldamento globale intorno al grado e mezzo entro la seconda metà del secolo invece che sotto i due gradi. Abbiamo ottenuto un risultato importante, cioè aumentare l’ambizione rispetto a Parigi”. Così il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani in occasione dell’evento “Healing the Planet. Sustainability and circular economy” organizzato per i 20 anni della Fondazione Silvio Tronchetti Provera. 

Però, aggiunge Cingolani, “questo ha un prezzo. Per grandi Paesi cambiare rotta e accelerare sulla produzione energetica e la manifattura richiede più tempo e ci hanno chiesto di arrivare nella seconda parte del secolo a più 2, seguendo un percorso di decarbonizzazione diverso dal nostro che probabilmente emetterà più CO2 all’inizio ma poi dovrà accelerare la decarbonizzazione più di noi. Non è importante come ci arriviamo ma che ci arriviamo tutti. Capisco che faccia storcere il naso ma è stata una cosa importante”.  

“La scommessa è appena stata fatta, la maratona è lunga, siamo appena all’inizio. Però se, come tutti a Glasgow, ho qualche dubbio, ho anche un fondo di ottimismo che mi consente di continuare a lavorare con molta convinzione”, sottolinea Cingolani. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Sostenibilità Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *