Entra in contatto con noi

Esteri

Cina, Sisci: “Segnali di ripensamenti sulla Via della Seta”

Pubblicato

il

La Via della Seta cinese. L’alternativa americana, Build Back Better World. La risposta europea, il Global Gateway. “La battaglia sulle infrastrutture tra le potenze globali è uno spreco di denaro e risorse”: con questo titolo il South China Morning Post apre il dibattito tra gli esperti e insiste sulla “cooperazione globale”, per un “approccio globale coordinato” lasciando da parte le “rivalità”. Per il sinologo Francesco Sisci è un intervento che potrebbe “indicare un inizio di ripensamento cinese” rispetto all’approccio “unilaterale” del gigante asiatico riguardo la Via della Seta. Parole indizio di “uno dei pensieri che circolano a Pechino”. Senza dimenticare che “ormai” la Via della Seta “si inserisce in un mosaico complesso di tensioni e diffidenze crescenti intorno alla Cina”.  

Non è la versione ufficiale, ma – dice – sembra “stiano iniziando a capire che l’approccio unilaterale non funziona” perché “ci sono altre due iniziative”, B3W e Global Gateway, “entrambe più ambiziose e più grandi di quella cinese”. Di fatto, “minimizzano il progetto cinese”, anche se sono tutti “progetti sulla carta”. E, secondo Sisci che legge tra le righe del Scmp, “uno dei pensieri che circola a Pechino” è quello di una “sorta di fondo monetario delle infrastrutture”, ma – avverte – “ormai la partita è cambiata” ed è “troppo poco e troppo tardi”, oltre al fatto che “le istituzioni internazionali sono molto più deboli” rispetto al passato “perché non sono state adattate” ai tempi. 

Sisci pensa ad esempio al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite e ai membri permanenti. “In Europa – dice – abbiamo Francia e Regno Unito, ma non c’è la Germania. In Asia, ne fa parte la Cina, ma non il Giappone o l’India”. E, aggiunge, “l’unica istituzione internazionale modificata dopo la Guerra fredda, il Gatt, che è diventato il Wto, sta smettendo di funzionare perché in sostanza la Cina ha cercato di piegare le regole alle sue esigenze”, senza escludere “responsabilità americane e di altri Paesi”. E, incalza, “a testimonianza della mancanza di funzionalità c’è il fatto che i due progetti infrastrutturali americano ed europeo sono separati” ovvero “non sono sotto un cappello internazionale”.  

E c’è, oltre alle tensioni e alle diffidenze nei confronti del gigante asiatico, un altro ‘problema’ con cui Pechino deve fare i conti. “La Cina – dice ancora Sisci – sembra spesso prigioniera di suoi schematismi, di piccoli calcoli che le fanno perdere di vista la visione generale”. Un esempio? Il sinologo parla di Kazakistan e Xinjiang, la regione cinese teatro della repressione degli uiguri. “Sarebbe nell’interesse di Pechino aumentare, a qualunque costo, i rapporti con il Kazakistan, la prima grande frontiera a ovest della Via della Seta, ma – conclude – questa estensione va a fatica. Il Kazakistan aveva chiesto di raddoppiare la linea ferroviaria. I cinesi per ora non sembrano interessati e sembra che la Cina faccia pressione sul Kazakistan minacciando di limitare il traffico ferroviario perché il Paese consente proteste anticinesi a proposito dello Xinjiang”. “La Cina – conclude – per una questione puramente interna rischia di deteriorare rapporti con un vicino che è strategicamente molto importante”.  

Sbircia la Notizia Magazine unisce le forze con la Adnkronos, l'agenzia di stampa numero uno in Italia, per fornire ai propri lettori un'informazione sempre aggiornata e di alta affidabilità.

Coronavirus

Covid Cina oggi, polizia usa dati cellulari per rintracciare manifestanti

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Le autorità cinesi stanno utilizzando i dati dei cellulari per rintracciare i manifestanti che hanno partecipato alle proteste contro le severe restrizioni anti-Covid introdotte dal governo a Pechino. Lo riferisce la Cnn citando una telefonata registrata tra un manifestante e la polizia cinese. In particolare il manifestante ha detto alla Cnn di aver ricevuto una telefonata da un agente di polizia, che ha rivelato di averlo rintracciato perché il segnale del suo cellulare è stato registrato nelle vicinanze del luogo della protesta. L’agente di polizia ha chiesto al manifestante se domenica sera fosse andato al fiume Liangma, dove si è svolta una grande protesta. Quando l’uomo ha negato di essere stato lì, il poliziotto ha chiesto: “Allora perché il tuo numero di cellulare è stato registrato lì?”. 

Al manifestante è stato detto di presentarsi a una stazione di polizia per essere interrogato e firmare un verbale. L’agente ha spiegato che si trattava di “un ordine dell’Ufficio municipale di pubblica sicurezza di Pechino”, secondo la registrazione citata dalla Cnn. Alcuni manifestanti hanno spiegato all’emittente di aver usato il telefono in modalità aereo per non essere rintracciati durante le proteste. 

Continua a leggere

Esteri

Spagna: ‘rivoluzione’ negli spot per giocattoli in vigore codice anti-stereotipi

Pubblicato

il

(Adnkronos) – Da oggi in Spagna entra in vigore un codice deontologico per la pubblicità dei giocattoli che si propone di combattere le discriminazioni di genere sin dall’infanzia. Declinata in ben 64 punti, la norma definisce quali sarebbero le condotte e le pratiche pubblicitarie da adottare nella comunicazione verso i piccoli: così da oggi in Spagna sono vietati stereotipi come ad esempio pubblicità che indichino esplicitamente o implicitamente abbinamenti giocattolo-sesso, come ad esempio la classica bambola e la macchinina per il bambino, così come il rimando di genere nei colori. Niente più giocattoli rosa per le bambine e azzurri per i bambini dunque, nella norma voluta in primis dal ministro spagnolo delle Imprese Alberto Garzón, e attenzione alla rappresentazione degli stereotipi nelle pubblicità rivolte ai più piccoli, dove gli spot da oggi in Spagna dovranno mantenere un “linguaggio inclusivo e rivolgersi a tutti senza distinzione di genere”. Una regolamentazione “non sessista”, così la definisce il legislatore spagnolo emanata al fine “di evitare che i bambini, soprattutto quelli nella fascia 0 -7 anni, crescano riproducendo ruoli imposti”.  

Il provvedimento ovviamente fa discutere l’industria della comunicazione che si divide tra favorevoli e contrari: “Questa norma mi sembra estrema – così esordisce il noto pubblicitario italiano Cesare Casiraghi – e persino controproducente in rapporto all’obiettivo che si prefiggerebbe. E’ assurdo pensare di poter vietare nella comunicazione riferimenti o richiami rispetto al sesso del fruitore della pubblicità stessa, che peraltro per quanto riguarda le primissime fasce di età è il genitore medesimo, cui dovrebbe essere preservata la potestà di educare i figli secondo quanto egli ritenga. L’inclusione – sottolinea il pubblicitario – è un tema molto importante, tirarlo per i capelli sino a ‘normare’ se io pubblicitario o azienda possa o meno utilizzare il rosa o l’azzurro o una voce femminile o maschile nello spot, lo banalizza o lo forza a sovrastrutture innaturali perché imposte, peraltro da un legislatore. Domandiamoci fino a che punto in nome dell’inclusione o equità di genere arriveremo a spingerci: nel prossimo presepe dovremmo quindi iniziare a liberare po’ di spazio per una ‘Gesù bambina’? – provoca il pubblicitario Casiraghi – D’altronde perché no?”. 

“Come Associazione siamo pienamente d’accordo per l’adozione di un codice deontologico per la promozione pubblicitaria dei giocattoli per l’infanzia come è stato fatto in Spagna – commenta Marianna Ghirlanda, presidente di Iaa Italy – International Advertising Association, l’associazione dei pubblicitari internazionali – Le discriminazioni e gli stereotipi di genere si formano già in età precoce ed è corretto che già nei primi anni di vita dei bambini si intervenga per evitare la classica stereotipizzazione che vede la bambola come giocattolo per le bambine e i robot per i bambini. Ma non solo – rilancia la presidente di Iaa Italy – un codice di condotta andrebbe adottato non solo per l’advertising ma per tutta la filiera produttiva dei giocattoli, perché se è giusto che i giocattoli negli spot siano presentati come gender free, è altrettanto giusto che i prodotti stessi siano realizzati nello stesso modo”. 

“Riteniamo fondamentale che questa cultura deontologica vada affermandosi anche in tutta Europa così come in Spagna – commenta Stefania Siani presidente di Adci – Art Directors Club Italiano, l’associazione dei pubblicitari italiani – è vero infatti che sin dall’infanzia la stereotipìa filtra attraverso giochi e rappresentazioni associate al maschile e femminile. Sradicare questi aspetti significa non solo intervenire sulla comunicazione ma sui prodotti, su come sono concepiti, sulla filiera produttiva e culturale tutta”. 

Continua a leggere

Esteri

Assange, parlamentari brasiliani scrivono a Biden e Pelosi

Pubblicato

il

(Adnkronos) – I parlamentari del Brasile hanno approvato una risoluzione che esorta le autorità americane a ritirare le accuse contro Julian Assange. In una lettera inviata al Presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e alla Speaker della Camera dei Rappresentanti, Nancy Pelosi, i parlamentari esprimono la loro contrarietà all’estradizione di Assange, da processare in territorio nordamericano, e “avvertono che questo fatto creerebbe un precedente negativo per la libertà di espressione e il libero esercizio della stampa in tutto il mondo”. 

Il sostegno al giornalista si è manifestato in una riunione dei banchi della Federazione, alla Camera dei Deputati, alla quale hanno partecipato il caporedattore di WikiLeaks, Kristinn Hraffsson, e Joseph Farrell, ambasciatore di WikiLeaks.  

Ecco il testo della lettera: “Vi scriviamo come parlamentari brasiliani per esprimere la nostra preoccupazione collettiva per la richiesta statunitense di estradizione del giornalista ed editore, Julian Paul Assange, dal Regno Unito agli Stati Uniti”, sostengono nella missiva in spagnolo, che poi sottolinea l’influenza che “il precedente di questa estradizione creerebbe per la libertà di espressione e di stampa in tutto il mondo”. (segue) 

La natura politica del reato ne vieta l’estradizione 

“La natura politica del reato vieta l’estradizione -aggiungono quindi- L’accusa emessa contro Assange il 24 giugno del 2020 contiene 18 accuse, tutte relative esclusivamente alle pubblicazioni di documenti del governo degli Stati Uniti del 2010. Le accuse da 1 a 17 sono state avanzate in base alla legge americana di Spionaggio che risale al 1917, nonostante il fatto che lo spionaggio sia ampiamente riconosciuto come reato politico ai sensi del diritto internazionale”.  

“Il trattato di estradizione Regno Unito-Usa, che ha costituito la base della richiesta di estradizione, vieta specificamente all’estradizione per i reati politici. Così come la Convenzione Europea sull’Estradizione del 1957 e la Convenzione Europea sui Diritti Umani o il Modello di Trattato di Estradizione delle Nazioni Unite, la Costituzione dell’Interpol e altri trattati bilaterali ratificati dagli Usa. Anche questo principio è sancito nel Sistema interamericano dei diritti umani”. 

Assange, secondo i brasiliani, “adotta pratiche che sono essenzialmente del giornalismo investigativo, che includono la ricezione di informazioni classificate da una fonte all’interno del governo, quando pubblicare queste informazioni è un fatto di pubblico interesse. Le accuse contro di lui criminalizzerebbero queste pratiche, che sono protette dal Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti”. Quindi viene ricordata la posizione di Obama che aveva ragione, quando “ha rifiutato di perseguire Assange per spionaggio, perché è una criminalizzazione dell’esercizio del giornalismo”.  

(di Rossella Guadagnini) 

Continua a leggere

Articoli recenti

Post popolari