Attualità Coronavirus Turismo

Chianti, vendite di vini locali in calo per la prima volta in 30 anni


Vendite di vini locali in calo per la prima volta in 30 anni. A causa del Covid-19 e della chiusura di bar e ristoranti, le vendite di vino sono diminuite per la prima volta in 30 anni. I viticoltori sono preoccupati.

In Toscana, il suo caratteristico Signor Vino, il “Chianti” è notoriamente conosciuto in tutto il mondo. Ma, nel 2020, la situazione è stata tragica per i produttori italiani. Per la prima volta in 30 anni le vendite sono state e sono in calo e la situazione è preoccupante per l’inattività di bar e ristoranti. Pierfrancesco Bertini, del vigneto Fattoria Sant’Appiano, non vede un cliente da mesi. “Siamo chiusi, i bicchieri vengono restituiti, non pronti a servire. La situazione è irreale e incerta. Tace ed è assordante”, si lamenta sconfortato.

Comprovati rischi di fallimento

Per quanto riguarda il vigneto Conte Guicciardini, Ferdinando Guicciardini ha scelto di abbandonare o buttare l’uva per evitare di immagazzinare invenduti e quindi per fare in modo che il prezzo del vino non crolli. Un sacrificio obbligatorio per lui. “Siamo costretti a lavorare a ritmi ridotti a causa del Covid-19”, specifica. Il rischio di bancarotta è reale per molti viticoltori. Alcuni hanno deciso di lanciare un grido di aiuto ai loro ex clienti nella speranza di ottenere aiuto.


“Sbircia la Toscana”

Tutti sappiamo che la Toscana è uno scrigno di bellezze uniche al mondo: le sue città d’arte e borghi pittoreschi, incastonati nel cuore di un paesaggio bucolico con vallate incomparabili, racchiudono un immenso patrimonio culturale. Magnifiche isole, una splendida costa, parchi incontaminati, una cucina semplice dai sapori autentici e alcuni dei migliori vini del mondo: tutti ottimi motivi per visitare, pandemia permettendo, una delle regioni più deliziose d’Italia.

Da non perdere durante un viaggio in Toscana soprattutto 10 località favolose:

  1. Firenze: culla del Rinascimento e della lingua italiana, una vera e propria città-museo che custodisce opere d’arte di inestimabile valore.
  2. Siena: una delle città medievali più affascinanti della Penisola, è conosciuta in tutto il mondo per il suo storico Palio.
  3. Pisa: con i suoi tesori di architettura romanica e gotica, è una tappa importante in un tour alla scoperta delle città d’arte toscane.
  4. San Gimignano: le sue alte torri e gli incantevoli vicoli offrono al viaggiatore l’incanto di un’autentica atmosfera medievale.
  5. La Val d’Orcia: una vasta valle emblematica con colline tortuose punteggiate di cipressi e vigneti, è il luogo ideale per immergersi nel cuore di abbagliante bellezza pastorale.
  6. Chianti: punteggiate da piccoli borghi e solitarie abbazie, le colline del Chianti sono un invito al buon vivere all’insegna del relax e della gustosa cucina accompagnata dagli omonimi ottimi vini.
  7. La Maremma: con la sua campagna selvaggia, le sue terme, le sue spiagge e le vestigia etrusche, la Maremma pullula di luoghi attraenti da scoprire.
  8. La Garfagnana: situata a ridosso delle Alpi Apuane, tra rocche medievali e borghi caratteristici, La Garfagnana è la regione più verde e preservata della Toscana.
  9. Il Golfo di Baratti: situato sulla costa tra Livorno e Grosseto, offre deliziose spiagge delimitate da una pineta naturale inalterata.
  10. Isola d’Elba: con le sue magnifiche spiagge e il mare cristallino, l’arcipelago toscano è il luogo idilliaco per un romantico incontro con il mare.

Viaggiare in Toscana significa partire alla scoperta di un patrimonio artistico senza pari.


Luoghi simbolo di Firenze

La Cupola del Brunelleschi, il Campanile di Giotto, Ponte Vecchio, Piazza della Signoria e Palazzo Vecchio, la famosa Torre Pendente di Pisa, la suggestiva Piazza del Campo, nel centro di Siena, dove ogni anno si svolge il famoso Palio che richiama turisti da tutto il mondo. Non lontano da Siena sorgono alcuni dei siti più caratteristici della regione: arroccato sulla sommità di una collina, l’antico borgo di Monteriggioni ha conservato il suo bel recinto di mura medievali ed a Chiusdino, l’ Abbazia di San Galgano è un eremo in rovina che custodisce una misteriosa spada conficcata nella roccia.

Il vino aggiunge un sorriso all’amicizia ed una scintilla all’amore.” (Edmondo de Amicis)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *