Brit Awards con pubblico senza distanziamento né mascherine


I Brit Awards si svolgeranno con pubblico, senza distanziamento né mascherine e faranno parte di uno studio sul Covid negli eventi live, con i partecipanti che si sottoporranno a test prima e dopo l’evento. La cerimonia si svolgerà alla O2 Arena di Londra l’11 maggio e sarà condotta dal comico Jack Whitehall. Su una capienza di 20.000 persone, il pubblico sarà di 4.000 persone, che dovranno presentare un tampone negativo. 2.500 dei 4.000 biglietti saranno concessi gratuitamente ai ‘key workers’, ovvero rappresentanti del personale sanitario o direttamente impegnato nel contenimento della pandemia e del personale impegnato presso servizi pubblici essenziali, mentre i restanti 1.500 saranno destinati agli artisti nominati, ai loro manager, ai loro team, a rappresentati dell’industria musicale e degli sponsor.
 

I Brit Awards parteciperanno ad uno studio scientifico, che includerà (con le stesse modalità) anche due serate con 3.000 persone di pubblico in un nightclub di Liverpool (il 30 aprile e il 1 ° maggio) e un concerto con 5.000 persone il 2 maggio. Nonché eventi sportivi come la finale di FA Cup, che avrà 21.000 spettatori quattro giorni dopo i Brit Awards, il 15 maggio. 

All’interno degli eventi, l’atmosfera sarà il più normale possibile, compresa la possibilità di servire e consumare sia cibo che alcol. Le persone del pubblico dovranno lasciare i loro contatti e sottoporsi a test dopo successivamente agli eventi. Lo studio servirà a raccogliere dati sulla sicurezza degli eventi all’interno, sulla riduzione delle distanze sociali e sull’assenza di protezioni sul viso. Il ministro della Cultura britannico, Oliver Dowden, ha sottolineato che “i Brit sono sempre una grande serata nel calendario musicale, ma i premi di quest’anno saranno particolarmente speciali. Riuniranno il pubblico dal vivo con i migliori talenti britannici per la prima volta nell’ultimo anno, fornendo allo stesso tempo un’opportunità fondamentale per vedere come possiamo riportare grandi folle negli eventi in sicurezza il prima possibile”. 

L’associazione dei locali dove si fa musica ha detto di essere felice per il ritorno del pubblico ai Brit ma di nutrire perplessità su come questo esperimento possa essere utile per riaprire i tantissimi piccoli club del Regno Unito. Inoltre, quando la notizia si è diffusa la notizia, su Twitter in tanti hanno protestato perché si consente un evento con 4.000 persone di pubblico ma ci sono ancora restrizioni per situazioni molto più piccole come i matrimoni.  

Ai Brits si esibiranno, tra gli altri, anche Dua Lipa, Headie One, Arlo Parks e Griff. Arlo Parks e Dua Lipa hanno tre nomination ciascuno, così come il produttore di danza Joel Corry e il duo elettronico Young T & Bugsey. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Spettacolo Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *