Coronavirus

Bollettino Coronavirus del 1 Ottobre 2020


In data 1 ottobre l’incremento nazionale dei casi è +0,80% (ieri +0,59%) con 317.409 contagiati totali, 228.844 dimissioni/guarigioni (+1.140) e 35.918 deceduti (+24); 52.647 infezioni in corso (+1.384). Elaborati 118.236 tamponi (ieri 105.564); 2.548 positivi; rapporto positivi/tamponi 2,15% (ieri 1,75%). Ricoverati con sintomi 3.097 (+50); terapie intensive +11 (291). Sono i primi effetti della riapertura delle scuole? Lo sapremo nei prossimi giorni sulla base dell’andamento del contagio.

Nuovi casi soprattutto in: Veneto 445; Campania 390; Lombardia 324; Lazio 265; Sicilia 156; Toscana 144; Puglia 114; Liguria 111; Piemonte 110; Emilia Romagna 103; Sardegna 96. In Lombardia curva +0,30% (ieri +0,18%) con 24.691 tamponi (ieri 18.804) e 324 positivi; rapporto positivi/tamponi 1,31% (ieri 1,06%); 107.051 contagiati totali; ricoverati -8 (298); terapie intensive +1 (35); 5 decessi (16.960).

Nell’ultimo periodo di rilevazione dell’Istituto superiore di Sanità (7-20 settembre) l’età mediana dei casi si è assestata: 41 anni, contro i 40 del periodo precedente (31 agosto – 13 settembre) dopo il rapidissimo innalzamento che aveva portato la mediana da 29 a 40 anni nella seconda metà di agosto. Sempre nelle due settimane comprese tra il 7 e il 20 settembre il 35% dei nuovi casi ha riguardato soggetti con età superiore ai 50 anni, contro il 32,9% della rilevazione precedente. Guardando alle classi di età utilizzate dall’Iss la diffusione dell’epidemia si riduce tra i 19 e i 50 anni (da 54,3% a 51,5%) mentre cresce al di sotto dei 19 (da 12,8% a 13,5%), tra i 51 e 70 (da 24% a 24,9%) e oltre i 70 (da 8,9% a 10,1%).


In particolare l’andamento delle ultime due fasce di età fornisce una prima spiegazione all’incremento costante del numero dei ricoverati: che, come ormai sappiamo, cresce parallelamente all’età dei contagiati. Come del resto testimoniato, nelle ultime 5 settimane, da un leggero ma chiaro aumento dei casi con un stato clinico “severo” al momento della diagnosi. Invariata (52,1% maschi contro 47,9% femmine) la distribuzione dei nuovi casi per sesso. Dopo un improvviso rimbalzo a metà giugno è tornato invece sotto controllo il tempo medio che intercorre tra l’inizio dei sintomi e la diagnosi (che ricordiamo è tale solo quando certificata da un test tampone): i 5 giorni registrati alla data del 18 giugno, in linea con il periodo più grave dell’epidemia (marzo-aprile) si sono ridotti a 2 giorni (rilevazione del 28 agosto) per poi risalire a quota 3 giorni nel periodo chiuso al 22 settembre. Questo indicatore, per quanto tecnico, è di particolare importanza perché la diagnosi precoce della malattia indirizza in genere verso un decorso clinico più favorevole, grazie al tempestivo ricorso alle terapie più idonee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *