Bollettino Coronavirus 4 Novembre 2020


In data 4 novembre l’incremento nazionale dei casi è +4,02% (ieri +3,86%) con 790.377 contagiati totali, 307.378 dimissioni/guarigioni (+5.103) e 39.764 deceduti (+352); 443.235 infezioni in corso (+25.093). Elaborati 211.821 tamponi (ieri 182.203); 30.550 positivi; rapporto positivi/tamponi 14,42% (ieri 15,49%). Ricoverati con sintomi +1.002 (22.116); terapie intensive +67 (2.292).

Nuovi casi soprattutto in: Lombardia 7.758; Campania 4.181; Piemonte 3.577; Veneto 2.436; Lazio 2.432; Toscana 1.828; Emilia Romagna 1.758. In Lombardia curva +3,58% (ieri +3,24%) con 43.716 tamponi (ieri 32.337) e 7.758 positivi; rapporto positivi/tamponi 17,7% (ieri 21,0%); 224.191 contagiati totali; ricoverati +278 (5.018); terapie intensive +32 (507); 96 decessi (17.848). Alcuni lettori ci segnalano di aver ascoltato nel corso di una trasmissione televisiva (e ci chiedono un chiarimento) due affermazioni a proposito dell’epidemia. La prima: un Rt sopra 2.0 è “preoccupante”. La seconda: la curva si sta stabilizzando, quindi dobbiamo attendere a prendere provvedimenti. Andiamo con ordine: un Rt sopra 2.0 non è preoccupante, è un disastro. Significa che ogni 5-6 giorni (il tempo medio necessario per manifestare la positività dopo essere stati contagiati da Sars-Cov-2) il numero dei nuovi casi raddoppia: “preoccupante” sarebbe un Rt appena sopra 1.0.

Ci colleghiamo così alla seconda affermazione sulla stabilizzazione della curva. Premessa importante, anche se ne abbiamo parlato molto in questi mesi: con Rt inferiore a 1.0 il numero dei contagi diminuisce, con Rt superiore a 1.0 aumenta. Con Rt esattamente a 1.0 abbiamo una stabilizzazione, ovvero l’epidemia procede senza variazioni rispetto alla dinamica precedente. Nella settimana 21-27 ottobre in nuovi casi a livello nazionale sono stati 130.344, in quella 28 ottobre – 3 novembre 195.068 (+49,65%). Se riuscissimo a stabilizzarci sui valori attuali, portando per magia l’Rt a quota 1.0 a partire da oggi, manterremmo la dinamica in corso (28 ottobre – 3 novembre) con una media giornaliera di 27.866 casi, 1.018 ricoveri e 116 terapie intensive. Una stabilità insostenibile, che saturerebbe in poche settimane il sistema sanitario: e se il valore di Rt fosse, anche di poco, superiore a 1.0 dovremmo rivedere i numeri al rialzo.

Per questo motivo la strategia di mitigazione prevede, in condizioni ottimali, due fasi: nella prima occorre riportare il valore di Rt sotto 1.0, costringendo il contagio a rallentare. La seconda, che scatterà quando sarà possibile rimettere il virus sotto controllo, prevede la stabilizzazione di Rt su valori inferiori o pari a 1.0. Questo momento, che permetterà di riprendere con efficienza il sistema di tracciamento, si attesta intorno ai 4-5.000 nuovi casi giornalieri (con 40-50.000 contatti da verificare): ovvero il numero massimo gestibile con le forze disponibili a livello nazionale dai servizi che si occupano di contact tracing.

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *