Bollette, contro aumento possibile decreto in Cdm


Per contrastare l’aumento delle bollette si è svolto a Palazzo Chigi un vertice tra il premier, Mario Draghi, e i ministri dell’Economia, Daniele Franco, e della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, sulle misure da adottare contro i rincari. Lo apprende l’Adnkronos. Un decreto ad hoc potrebbe arrivare già nel Consiglio dei ministri in programma questo pomeriggio alle 16.  

Il vertice è iniziato attorno alle 9. Ieri fonti di governo sostenevano che il provvedimento, che potrebbe arrivare in Cdm già oggi, dovrebbe passare da un taglio agli oneri di sistema anziché da una sforbiciata dell’Iva. Per un intervento che, le stesse fonti, valutavano attorno ai 3 miliardi di euro. Tuttavia ieri in serata Palazzo Chigi spiegava che gli interventi sono ancora allo studio. Da qui, la riunione tra Draghi, Franco e Cingolani. 

“Rischio stangata da 1.300 euro a famiglia”
 

Secondo le associazioni Assoutenti e Movimento Consumatori, senza interventi si profilerebbe una “stangata complessiva da quasi 1.300 euro annui a famiglia”.  

“Un maxi-ritocco delle tariffe energetiche determinerebbe un maggior esborso annuo pari a circa +500 euro annui a carico di una famiglia con due figli solo per le forniture di luce e gas. Energia più cara si traduce tuttavia anche in maggiori costi per industria, trasporti, esercenti, e per l’intero sistema produttivo e distributivo, con ripercussioni sui prezzi al dettaglio e sulle tariffe”, spiegano le associazioni dei consumatori. 

In base alle elaborazioni di Assoutenti e Movimento Consumatori, “un maxi aumento delle bollette causerebbe effetti indiretti sui listini al dettaglio per complessivi +768 euro annui a famiglia, di cui +140 euro solo per gli alimentari, e +174 euro per la voce trasporti, portando il conto complessivo della stangata a sfiorare i 1.300 euro a nucleo familiare”. 

Contro i rincari che rischiano di abbattersi sugli italiani, Assoutenti e Movimento Consumatori chiamano quindi “a raccolta il patto consumerista e tutte le associazioni dei consumatori del Cncu, al fine di organizzare una protesta nazionale che potrebbe sfociare nello ‘sciopero dei consumi’, con i cittadini invitati a non fare acquisti per un giorno per protestare contro gli aumenti di prezzi e tariffe che rischiano di impoverire ulteriormente una consistente fetta di popolazione, già messa in ginocchio dall’emergenza Covid”. 

Le due associazioni si appellano inoltre al ministro dell’Economia, Daniele Franco “affinché gli aumenti vengano assorbiti cancellando gli oneri impropri in bolletta (tasse e accise anacronistiche e i cd oneri di sistema) e a quello della Transizione ecologica, Roberto Cingolani (per potenziare gli interventi di autoproduzione di energia le cd comunità energetiche) affinché intervengano con urgenza per evitare i maxi-rincari delle bollette e operare sulla tassazione eccessiva che vige su luce e gas, partendo da un sensibile taglio degli oneri di sistema che pesano per oltre il 10% sulle bollette degli italiani”. 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Politica Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *