Cronaca

Blocco cemento cade da palazzo, donna in prognosi riservata


Accompagnava la figlia a scuola, che frequenta le Elementari, la donna ferita da un blocco di cemento che si è staccato da un palazzo di cinque piani a Cuneo. Era uscita di casa da poco e stava percorrendo uno stretto marciapiede di via Giacosa, quando è stata colpita al volto e al petto dal pezzo, circa tre chili di peso, crollato dal cornicione del tetto.

La donna, cuneese, 43 anni, è ora ricoverata in prognosi riservata nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Santa Croce; la figlia è rimasta illesa. L’incidente intorno alle 8, in un quartiere centrale di Cuneo, vicino alla chiesa del Cuore Immacolato. Sono stati i residenti del palazzo da cui si è staccato il blocco a chiamare i soccorsi. Il blocco è caduto da una ventina di metri di altezza prima di colpire la donna e sfiorare la figlia. La quarantenne non ha perso conoscenza, ma era confusa e sotto choc. Gli agenti della polizia municipale, insieme a una signora, hanno accudito la piccola mentre l’ambulanza portava la madre al Pronto soccorso: è stata poi la bimba ad avvertire il padre con il cellulare. Il palazzo è stato transennato stamane e sono in corso i rilievi per la messa in sicurezza delle facciate dell’edificio. (ANSA)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *