Berlusconi, Renzi: “Perizia psichiatrica è persecuzione”


“Non vedo Berlusconi dal gennaio 2015 e non ho mai parlato con lui di Quirinale. Di vicende giudiziarie sì, di altro no. Ricordo che Berlusconi non ha mai votato la fiducia al un mio governo e che io sono orgoglioso di aver eletto Sergio Mattarella, quando si ruppe il dialogo iniziato con il noto patto del Nazareno”. Matteo Renzi, intervistato da Barbara Jerkov a Siena presentando ‘Controcorrente’, si esprime così sui rumors legati ad un presunto incontro con Silvio Berlusoni durante l’estate. 

Il Cav, come è noto, deve fare i conti con la richiesta di perizia psichiatrica nell’ambito del processo Ruby ter. “Incredibile la perizia psichiatrica a Berlusconi: giusto verificare se è malato o meno ma chiedere una perizia del genere assume i contorni di una inutile, sguaiata provocazione”, dice Renzi. 

“Non si fa altro che confermare che in questi anni c’è stata una persecuzione: non potrei definire altrimenti la perizia psichiatrica per un signore di 85 anni -aggiunge-. Giusto che Berlusconi presenti ricorso, e alla sinistra dico: arriverà il momento di dare un giudizio politico sulla sua vicenda senza cercare di combatterlo per via giudiziaria”. 

 

 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Politica Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *