AstraZeneca, le news di oggi: Anagni, dosi, dati vaccino, Ue


Il vaccino AstraZeneca ancora sotto i riflettori. Dopo il ‘caso trombosi’ e lo stop dell’Ema, ora il ‘caso Anagni’, con le news relative a 29 milioni di dosi individuate in un’azienda del frusinate. Il messaggio che arriva da Londra, con la rivendicazione di un contratto ‘in esclusiva’ per la fornitura. La reazione Ue, alle prese con una campagna di vaccinazione complicata.  

Le news di oggi: 

15.28 – “In estate andremo anche negli stabilimenti balneari per effettuare le vaccinazioni”. Lo ha annunciato il Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci intervenendo a Tgs. “Naturalmente ne dovremo parlare anche con la federazione degli stabilimenti – dice -ma non ci dobbiamo mai fermare, neppure in estate”. 

15.01 – “Ieri sono state somministrate oltre 230mila dosi di vaccini” anti-Covid. “E’ un dato in crescita. Adesso è fondamentale accelerare per completare la vaccinazione degli over 80 e dei soggetti più fragili. Per i successivi passi della campagna vaccinale lavoriamo al coinvolgimento delle strutture produttive in grado di garantire i necessari standard di sicurezza”. Lo ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza, intervenendo all’incontro con il ministro del lavoro, Andrea Orlando, e le parti sociali. 

14.37 – Ad oggi la Campania ha ricevuto 200mila vaccini in meno dal Commissariato di Governo: è una sperequazione dannosa che la Campania ha chiesto di sanare entro il mese di aprile”. E’ quanto si legge in una nota dell’Unità di crisi della Regione Campania, con la quale si annuncia che “da oggi saranno pubblicate informazioni quotidiane e settimanali con gli aggiornamenti dei dati reali della campagna di vaccinazioni in Campania, anche per far fronte a disfunzioni registrate negli ultimi giorni sulle piattaforme nazionali. Sarà uno strumento ulteriore, nel segno della trasparenza, a disposizione del sistema informativo”. L’Unità di crisi della Campania ritiene “opportuno segnalare due dati, che hanno un peso enorme nella campagna di vaccinazioni della Campania”. Il primo è che “la Campania ha 15mila dipendenti in meno rispetto a regioni anche con 1,5 milioni di abitanti in meno, dunque i risultati raggiunti, alla luce di questo dato, sono ancora più straordinari”; il secondo, appunto, è che “ad oggi, la Campania ha ricevuto 200.000 vaccini in meno dal Commissariato di Governo: è una sperequazione dannosa che la Campania ha chiesto di sanare entro il mese di aprile”. 

14.04 – Il Comitato di farmacovigilanza Prac dell’Agenzia europea del farmaco Ema “sta continuando la sua valutazione dei casi segnalati” di forme rare di trombosi dopo la somministrazione del vaccino anti-Covid di AstraZeneca. Nell’ambito di queste analisi, l’Ema convoca per il 29 marzo un gruppo multidisciplinare di esperti con l’obiettivo di “fornire un contributo aggiuntivo alla valutazione”. Lo comunica l’ente regolatorio Ue, spiegando che “l’esito dell’incontro, insieme a un’ulteriore analisi dei casi segnalati, confluirà nella valutazione in corso del Prac” e che “la raccomandazione aggiornata del Prac è attesa durante la riunione plenaria di aprile (6-9 aprile)”.  

13.29 – “Premesso che il presidente Draghi fa benissimo a porre in essere tutte le azioni più opportune per ottenere che il maggior numero di dosi arrivi in Italia, a cominciare dal pressing diplomatico sugli Stati nei quali si concentra la produzione, ritengo che siano assolutamente lineari le azioni rivolte alla distribuzione delle dosi di vaccino anti-Covid poste in essere da AstraZeneca”. E che sia “impensabile” che la multinazionale abbia nascosto dosi. Lo dichiara all’AdnKronos Salute Piero Di Lorenzo, presidente dell’Irbm di Pomezia (Roma), che per il vaccino in questione collabora con la multinazionale anglo-svedese effettuando i controlli di validazione dei lotti prodotti all’estero. 

12.56 – L’India ha deciso di sospendere l’esportazione del vaccino AstraZeneca contro il coronavirus prodotto dagli impianti del Serum Institute per poter soddisfare la richiesta interna di dosi. La sospensione riguarda anche le milioni di dosi che, in base al programma Covax, erano destinate ai Paesi a basso e medio reddito. Lo riporta la Bbc citando l’amministratore delegato del Serum Institute of India, Adar Poonawalla, che ha parlato di carenza di materie prime per la produzione di vaccini. In particolare ha citato il divieto imposto dagli Stati Uniti su alcuni articoli specifici, come filtri specializzati, tubi monouso e determinati prodotti chimici. 

12.37 – “Spero che non ci siano” reticenze da parte della popolazione al vaccino di Astrazeneca, “perché ormai è assolutamente dimostrato che è certo e sicuro. Si è parlato troppo di questo vaccino e ora qualcuno si preoccupa, ma bisogna avere fiducia. Se l’Ema e l’Aifa hanno deciso che va bene, non dobbiamo avere alcun dubbio”. Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, a margine delle celebrazioni della Festa del perdono a Milano. 

12.22 – “Non fate partire queste dosi, tenetele qui in Italia, servono a noi”. Questo il grido di allarme dei cittadini di Anagni che chiedono a gran voce che le 29 milioni di dosi di vaccino Astrazeneca, scoperte nello stabilimento Catalent di Anagni, in provincia di Frosinone, restino in Italia. “Non è una novità che dentro l’azienda frusinate si produca o si infiali il vaccino. Il problema è che nessuno poteva immaginare che le dosi non fossero destinate alla comunità europea”, dice all’Adnkronos una signora di 71 anni. 

11.53 – “Il vaccino AstraZeneca è un ottimo vaccino e francamente non riesco a comprendere tutta questa polemica che c’è intorno. E’ efficace nel ridurre i ricoveri ospedalieri, i quadri della malattia grave e dell’evento morte, e per queste situazioni il vaccino ha un dato del 100%. Sinceramente dico basta alle polemiche che non portano da nessuna parte e danneggiano le vaccinazioni nel nostro Paese”. Lo ha sottolineato all’Adnkronos Salute Matteo Bassetti, direttore della Clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e componente dell’Unità di crisi Covid-19 della Liguria, commentando le polemiche sui 29 milioni di dosi AstraZeneca ferme nell’azienda Catalent di Anagni, e i nuovi dati sul vaccino diffuso dall’azienda dai quali emerge un’efficacia del 76% nella prevenzione della malattia sintomatica e del 100% nell’evitare forme gravi e ricoveri. 

11.27 – Il Regno Unito ha con AstraZeneca un contratto “di esclusiva”, mentre l’Unione europea ne ha stipulato uno che si basa sui “migliori sforzi” da parte della casa farmaceutica. Per questo, gli accordi stipulati dal governo britannico prevarrebbero su quelli europei. Lo ha detto in un’intervista al Financial Times il ministro britannico della Salute, Matt Hancock, spiegando che Londra e Bruxelles stanno cercando di risolvere la disputa riguardo alle consegne delle dosi del vaccino anglo-svedese. 

11.12 – “Il mio imbarazzo a seguito di questa vicenda, non è diverso da quello dei nostri cittadini. E’ ora di richiamare tutti alle proprie responsabilità, le autorità devono vigilare di più, perché il problema dei vaccini è delicato e vitale per la sopravvivenza”. Lo dice all’Adnkronos il vescovo di Anagni, monsignor Lorenzo Loppa, commentando la notizia delle 29 milioni di dosi AstraZeneca scoperte nello stabilimento Catalent di Anagni, in provincia di Frosinone. 

11.01 – In Danimarca resteranno sospese per altre tre settimane le vaccinazioni con AstraZeneca, nonostante l’Ema abbia assicurato che il farmaco anglosvedese è “efficace e sicuro”. Lo hanno riferito fonti citate dall’emittente locale ‘Tv2’. Lo stop all’uso del vaccino anti-Covid in Danimarca era stato dichiarato lo scorso 11 marzo per il rischio di effetti collaterali potenzialmente seri. 

10.46 – L’efficacia del vaccino anti-Covid di AstraZeneca negli over 65 risulta pari all’85% (intervallo di confidenza, Ci, 58-95%), secondo i nuovi dati che l’azienda farmaceutica anglo-svedese ha diffuso sullo studio di fase 3 condotto negli Usa. Il dato aggiornato relativo alla fascia degli ultra 65enni appare dunque superiore a quello comunicato lunedì scorso sulla base di un’analisi ad interim del trial. Nella nota diramata durante la notte, il gruppo riporta in generale un’efficacia del 76% (Ci 68-82%) nel prevenire l’infezione sintomatica – contro il 79% della precedente comunicazione – e sempre del 100% nell’evitare la malattia in forma grave e i ricoveri. 

10.31 – “Ho cercato di contattare dirigenti di Catalent, ma ad ora regna il silenzio assoluto. Non credo che la ditta del frusinate c’entri qualcosa con questa vicenda. Anzi, l’infialamento dei vaccini è commissionato dalla casa madre. Per questo ci tengo a tutelare tutti i dipendenti che lavorano all’interno della ditta”. Lo dice all’Adnkronos il sindaco di Anagni Daniele Natalia. 

10.08 – In merito alla situazione di AstraZeneca, il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ha affermato a ‘Buongiorno’ su Sky Tg24 che la società non sta “onorando i contratti in maniera impeccabile. Il numero di dosi” di vaccino anti-Covid “che ci hanno consegnato sono largamente inferiori alle attese. Capisco i problemi di produzione che hanno avuto – ha aggiunto – ma questi problemi dovranno essere risolti il prima possibile per garantire all’Italia e a tutta l’Europa le dosi che erano nel contratto. Vigilare sui lotti che transitano per capirne la provenienza e la destinazione”. 

9.50 – Un camion con targa NL(Olanda) ha appena lasciato lo stabilimento Catalent di Anagni, dove ieri sono state scoperte 29 milioni di dosi AstraZeneca. Poco prima del camion con targa olandese, un altro tir, italiano, specializzato in “trasporto farmaci nazionali e internazionali a temperatura controllata”, è uscito dai cancelli dell’azienda frusinate. 

8.56 – AstraZeneca ha presentato nuovi dati sul suo vaccino anti-Covid al Data Safety Monitoring Board (Dsmb) americano, dai quali emerge un’efficacia del 76% nella prevenzione della malattia sintomatica e del 100% nell’evitare forme gravi e ricoveri. Il vaccino ha dimostrato inoltre un’efficacia dell’85% contro l’infezione sintomatica negli over 65. 

“L’analisi primaria è coerente con la nostra analisi ad interim diffusa in precedenza – dichiara in una nota Mene Pangalos, Executive Vice President, BioPharmaceuticals R&D dell’azienda anglo-svedese – e conferma che il nostro vaccino Covid-19 è altamente efficace negli adulti, compresi quelli di età pari o superiore a 65 anni. Non vediamo l’ora di presentare la nostra richiesta di autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti”, all’agenzia regolatoria Fda, “e di prepararci per il lancio di milioni di dosi in tutta l’America”. 

8.42 – “Sui vaccini anti-Covid le case farmaceutiche devono rispettare gli accordi presi con gli Stati dell’Unione europea. Apprendiamo che AstraZeneca avrebbe tenuto nascoste 29 milioni di dosi nello stabilimento di Anagni per destinarle all’estero. L’indagine è partita su segnalazione della Commissione europea e il ministero della Salute ha immediatamente avviato un’ispezione. Una notizia gravissima che si aggiunge ai già pesanti ritardi nella consegna dei vaccini da parte di AstraZeneca”. Lo affermano le deputate e i deputati del Movimento 5 Stelle componenti della commissione Affari sociali e sanità della Camera. 

8.10 – “Non può essere”, “io sto ancora aspettando che mi chiamino per fare il vaccino”, “mi auguro davvero che queste dosi non escano tutte dall’Italia”, “chi ci sta dietro?”, “105mila morti in totale e ancora non si fa un gioco comune”. Si risveglia così Anagni, in provincia di Frosinone, con la rabbia, i dubbi e le domande dei cittadini su un mistero che ancora non ha una spiegazione certa. 29 milioni di dosi di Astrazeneca trovate all’interno dell’azienda Catalent del frusinate, pronte per essere infialate e spedite. Inghilterra, Belgio o paesi in via di sviluppo le destinazioni. 

Lo stabilimento è da ieri sorvegliato dalle forze dell’ordine; impossibile entrare o avvicinarsi. Da quanto apprende l’Adnkronos, “la Catalent – spiega il titolare di un hotel – da luglio ha assunto a valanga personale per lavorare all’infialamento dei vaccini. Non mi sorprende questa cosa, mi sorprende che qui, senza che abbiamo le dosi, se ne fanno transitare a milioni. Con 30 milioni e quelle già somministrate, avremmo potuto vaccinare tutti gli italiani…”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Coronavirus Cronaca Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *