Assalto Cgil, Salvini: “Da Lamorgese nessuna autocritica, errore grave”


“Ne stanno succedendo di tutti i colori, non parlo di migranti, di baby gang, parlo di quello che è accaduto la settimana scorsa, ci state facendo fare una figura meschina a livello mondiale, ministro si prenda le sue responsabilità”. Così Matteo Salvini, intervenendo al Senato, dopo l’informativa della ministra dell’Interno, Luciana Lamorgese, sui fatti avvenuti a Roma il 9 ottobre scorso durante la manifestazione dei no Green pass, con l’assalto alla sede della Cgil. 

“Se non ha capito cosa stava succedendo è grave – ha detto Salvini – se l’ha capito e permesso è ancora più grave”.  

“Se non riuscite a isolare venti imbecilli che tutti conoscono per nome e cognome vuol dire che non sapete fare il vostro mestiere, non sono sbarcati da Marte – ha scandito il leader della Lega – C’è qualcosa che non funziona, e noi non abbiamo sentito una parola di autocritica su questo, una parola nemmeno, è un errore grave”. “Quando arriveranno Biden e gli altri grandi del mondo spero che non ci sia questa inadeguatezza, non ce lo possiamo permettere” ha aggiunto Salvini. 

“Non basteranno alcune cartelle dattiloscritte da qualche solerte funzionario a far passare in secondo piano quella che è stata una debacle, ministro chieda aiuto a quest’Aula, a qualcuno che le può dare una mano, non viva con insofferenza la presenza del Parlamento – le parole del leader della Lega – Non scarichi sui suoi uomini, difenda i suoi uomini, a me piace chi non si nasconde dietro 25 pagine dattiloscritte”. 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content


Politica Ultima ora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *