Ambasciatore ucraino: “sblocco porti per impedire a Russia di creare carestia”


“Il sostegno dell’Ucraina nel ripristinare le forniture di grano e altre colture agricole al mercato internazionale è un modo efficace per prevenire l’incombente pericolo di carestia a livello mondiale”. E’ il commento all’Adnkronos dell’Ambasciatore ucraino in Italia Yaroslav Melnyk, oggi a Ravenna in occasione dell’arrivo in porto della nave Rojen, la prima con cereali dall’Ucraina con 13 mila tonnellate di semi di mais. 

“La guerra iniziata dalla Russia contro l’Ucraina ha conseguenze globali e minaccia il mondo di carestia. Il Cremlino – spiega – crea deliberatamente pressioni sulla comunità internazionale, sull’Unione Europea e sulla stessa Ucraina, al fine di raggiungere i suoi obiettivi a costo di milioni di vite perse. La Russia sta minando deliberatamente la sicurezza alimentare e vuole costringere il mondo a soffrire la fame, mentre l’Ucraina, indebolita dalla guerra, sta cercando di salvare il mondo da questo disastro. Pertanto, oggi lo sblocco dei porti ucraini e il ripristino dell’approvvigionamento delle colture di grano attraverso sicuri corridoi verdi al mercato internazionale, è la chiave per impedire alla Russia di creare una carestia artificiale a livello globale”. 

“Questa consegna dovrebbe servire come esempio per dare il via libera ad altre aziende italiane per quanto riguarda gli acquisti di prodotti agricoli in Ucraina. Il nostro Stato ha confermato ancora una volta di essere un partner stabile e un fornitore affidabile di prodotti agricoli per il mercato mondiale. L’unica garanzia per stabilizzare l’approvvigionamento alimentare mondiale è – sottolinea l’ambasciatore – il ritorno della pace in Ucraina il prima possibile”. 

(di Silvia Mancinelli) 

© Copyright Sbircia la Notizia Magazine. Riproduzione riservata.

Cerchi altro? Nessun problema!

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
">


Esteri Ultima ora